Zidane Chelsea, le condizioni di Zizou per sostituire Sarri

Zidane Chelsea
Former French football player Zinedine Zidane looks on during a promotional event for the Chinese University of Football Association in Guangzhou, in China’s southern Guangdong province on November 30, 2018. (Photo by – / AFP) / China OUT (Photo credit should read -/AFP/Getty Images)

ZIDANE CHELSEA – L’ex campione di Francia e Juventus ed ex tecnico del Real Madrid, Zinedine Zidane, ha dettato al Chelsea le proprie condizioni per sostituire sulla panchina dei blues, Maurizio Sarri. L’ex tecnico del Napoli si giocherà l’incarico al Chelsea nelle partite che vedranno i blues affrontare le due squadre di Manchester.

-> Leggi anche: Chelsea-Manchester United, probabili formazioni FA Cup

Sarri si gioca tutto

Questa sera, la squadra di Sarri affronterà infatti in casa il Manchester United nel quinto turno, gli ottavi di finale, della Coppa d’Inghilterra, mentre domenica sarà la volta del Manchester City, contro cui disputerà la finale di Coppa di Lega. E’ stato proprio l’ultimo incontro con la squadra di Pep Guardiola a mettere in crisi il rapporto tra l’allenatore toscano e la dirigenza del Chelsea, dopo la sconfitta per 6 a 0 subita in campionato. Secondo i media britannici, Zidane è il primo nella lista per sostituire Sarri.

Zidane Chelsea, le condizioni di Zizou

Il quotidiano ‘The Sun’ riporta che l’ex campione della Juventus accetterà la panchina del Chelsea soltanto a due condizioni: che i blues rinnovino il contratto del 28enne regista belga Eden Hazard e che il club stanzi 200 milioni di sterline, circa 228,27 milioni di euro, da spendere sul mercato per la prossima stagione. Un’altra condizione posta da Zidane al Chelsea riguarda il ruolo dell’allenatore nelle scelte di mercato operate da Marina Granovskaia, amministratore delegato e longa manus del presidente Roman Abramovich nel club. Il tecnico francese vuole infatti avere voce in capitolo nella scelta dei giocatori acquistati dal Chelsea. Secondo alcune fonti vicine a ‘Zizou’, che ha vinto tre volte la Champions League da allenatore del Real Madrid e una volta da giocatore dei blancos, non ha ancora alcun accordo con il club londinese.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *