Juventus-SPAL, Sarri in conferenza stampa: “Ecco le scelte di domani. Su Rabiot e Dybala…”

 (Photo by Jonathan NACKSTRAND / AFP) (Photo credit should read JONATHAN NACKSTRAND/AFP/Getty Images)

CONFERENZA STAMPA SARRI- Maurizio Sarri è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia della sfida di campionato tra Juventus e SPAL. Il tecnico ha annunciato qualche novità di formazione, soprattutto per quel che riguarda la difesa. Out anche Alex Sandro, volato in Brasile per un lutto familiare.

Sarri si affiderà ancora al 4-3-1-2. Ramsey sarà confermato trequartista, mentre Matuidi resta in vantaggio sul giovane Cherubini per sostituire Alex Sandro nel ruolo di terzino sinistro. Rabiot potrebbe esser confermato dal 1′.

Leggi anche: Probabili formazioni 6^ giornata: Matuidi terzino sinistro, Higuain dal 1′. Roma, fuori Zaniolo

Conferenza stampa Sarri Juventus SPAL: ecco le dichiarazioni del tecnico bianconero

Sul ruolo di terzino sinistro:Ho visto che Cherubini era sinistro, penso di provare anche Cherubini oggi. La difesa a tre per me è difficilmente proponibile se non per gestire qualche piccolo spezzone di partita, perché per come difendiamo noi il rischio di finire a 5 bassi è troppo alta. Poi la difesa a tre non mi toglie una fascia, qualcuno in fascia ci deve giocare. Un po’ di fatica a raccogliere esterni difensivi e offensivi ce l’abbiamo. Ieri abbiamo provato una soluzione, oggi ne proveremo un’altra, poi sceglieremo”.

Su Emre Can: “Gioca? Non lo so. Emre è uscito provato dalla scelta, purtroppo obbligata. Non era obbligatorio tagliare lui, ma un paio di giocatori. E’ uscito provato, mi sembra le reazioni in allenamento siano di buon livello, lo teniamo in considerazione e contiamo di recuperarlo in pieno. Poi vediamo”.

Su Mandzukic:Mandzukic è d’accordo con la società di restare in disparte, poi vederemo quando chiuderanno i mercato”

Sulla figura del trequartista: “Secondo me abbiamo altri giocatori che possono giocare sulla trequarti: Dybala può giocarci, lo stesso Bernardeschi. Vediamo un attimo, il modulo è frutto delle necessità, ma non si può valutare se un modulo è meglio di un altro dopo una partita. Vediamo dopo una serie di partite, ma secondo me è giusto averli in canna tutti e due e scegliere”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *