Juventus-Milan, Gattuso: “Se abbiamo la tecnologia usiamola”

Juventus Milan GattusoJUVENTUS MILAN GATTUSO – La Juventus ha vinto la Supercoppa Italiana battendo 1-0 il Milan nella finale di Gedda con un gol di Cristiano Ronaldo. I bianconeri dopo aver sfiorato il vantaggio nel primo tempo con le conclusioni di Douglas Costa e Joao Cancelo, hanno rischiato di andare sotto al 48′ quando la traversa ha negato il gol a Cutrone. Al 61′ l’assist di Pjanic concretizzato di testa da Ronaldo. Espulso Kessie. La Juve è l’ottava volta che conquista il trofeo. In casa Milan la faccia più nervosa è quella di Gonzalo Higuain, entrato solo per uno spezzone di gara dopo essere stato escluso dalla formazione titolare a causa di un lieve stato influenzale: potrebbe essere questo il triste finale in maglia rossonera del ‘Pipita’, sempre più vicino al Chelsea di Sarri. Al termine del match il tecnico del Milan Rino Gattuso ha rilasciato queste dichiarazioni ai microfoni di RaiSport.

-> Leggi anche Pagelle Juventus-Milan 1-0 Supercoppa: decide Cristiano Ronaldo

Juventus Milan Gattuso, le dichiarazioni a Rai Sport

Sulla partita Gattuso è stato netto: “Devo solo fare i complimenti ai miei ragazzi, abbiamo provato a scalare una montagna e dopo gli episodi li giudicate voi. L’espulsione di Kessié ci sta, però se abbiamo la tecnologia usiamola. Alla Juventus hanno fatto finire due azioni, a noi subito con Cutrone hanno alzato. Loro sono uno squadrone e queste cose non le capisco. Abbiamo dato tutto, anche qualcosa in più, ora andiamo avanti. Questi ragazzi sono vivi, abbiamo pregi e difetti ma abbiamo messo in campo carattere. A Genova andremo con tante assenze, questa sera c’è il rammarico e c’è amarezza”.

La situazione di Higuain

Una battuta infine sulla situazione di Higuain: “Su Gonzalo posso dire che  non è successo nulla. Ieri sera aveva 38.5 di febbre, abbiamo fatto di tutto per metterlo in campo, stanotte ha dormito poco. Sembra una barzelletta ma è vero, stamattina quando è venuto il principe a salutarci non ho voluto io che ci fosse perché magari infettava gli altri col virus”.

-> Leggi anche Higuain Chelsea, la febbre in Supercoppa avvicina il Pipita all’addio