Inter Marotta : “Tocca a Luciano Spalletti riportarci in alto”

Inter Marotta
Inter Marotta

INTER MAROTTA – Luciano Spalletti è solido sulla panchina nerazzurra e il suo futuro non dipende dal risultato contro il Parma: lo dice l’amministratore delegato dell’Inter, Beppe Marotta, parlando in esclusiva ai microfoni di Sky Sport della situazione che si è venuta a determinare in casa neroazzurra dopo l’eliminazione per mano della Lazio in Coppa Italia e dopo i pessimi risultati dell’ultimo mese, un punto in tre partite e due sconfitte cocenti contro il Torino e il Bologna degli ex Mazzarri e Mihajlovic.

-> Leggi anche: Inter Icardi ai tifosi neroazzurri: “va amata anche se perde”

Inter Marotta conferma Spalletti

Ma vediamo nella sintesi di Sport Mediaset cosa ha detto il Dirigente dell’Inter. “Spalletti in bilico? Ultimatum a Parma? Nossignori. La posizione del tecnico è molto solida. E’ un allenatore di grande esperienza, ha già saputo affrontare e risolvere momenti di difficoltà e lo farà anche stavolta”. Parola di Beppe Marotta, il punto sulla crisi d’inverno di quest’Inter senza spiegazione. Le parole dell’ad, che prende posizione anche su Nainggolan.

Spalletti e il vertice post ko

Marotta: che cosa è successo dopo Inter-Bologna e il vertice con Spalletti? E’ successo quel che accade sempre, dopo ogni gara vinta, pareggiata o persa. Si è fatto il punto, si è fatta l’analisi delle cose giuste e sbagliate. Noi dirigenti con l’allenatore. Il momento, lo sappiamo, non è felice e ci si è messi subito al lavoro”.
Parma-Inter sabato: si dice sia già il bivio della stagione. Per Spalletti.
“Non è una partita decisiva. C’è tanta amarezza fra di noi, come per tutti gli interisti e ci spiace. Ma la posizione del tecnico è molto solida. Il campionato è lungo, mancano 16 partite, l’involuzione della squadra c’è, ma è interlocutoria: La società è forte, l’allenatore capace, il pubblico è esigente e ci è molto vicino, la rosa competitiva. Ne verremo fuori”. Una battuta infine su Nainggolan: “Ha avuto delle difficoltà di inserimento, accompagnate da prestazioni non consone a ciò che ci ha abituato. Ma qui parliamo di un professionista che può e deve dare di più. So che con Spalletti parla quotidianamente, sta facendo un lavoro particolare. Non è in forma splendida, ma sono certo che emergerà per forza la sua professionalità. E quando succederà, ci darà prestazioni di carattere“.

-> Leggi anche Esonero Spalletti, il mister rischia molto. Allertato Cambiasso?