Icardi-Inter, Marino svela il retroscena: “Nessuno vuole pagare la clausola”

(Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)
(Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)

ICARDI INTER, caso più fitto – Intervenuto nella trasmissione della Rai Calcio&Mercato, il dirigente sportivo Pierpaolo Marino ha svelato un interessante retroscena che si inserisce in pieno nel caso Icardi. L’attaccante argentino, che non è stato convocato nemmeno per la prossima gara di campionato contro la Sampdoria, sembra vivere da separato in casa con il resto della squadra.

L’ormai ex capitano nerazzurro ha accusato sensibilmente la scelta della società di “declassarlo” in seguito a dei continui comportamenti giudicati irrispettosi, nei confronti dei compagni, da Marotta e Ausilio. Le dichiarazioni di Wanda Nara, che ha tirato in ballo gli altri giocatori della rosa, non sono piaciute; così come non sono piaciuti i silenzi del numero 9 argentino incapace di schierarsi dalla parte dei compagni di squadra. La vicenda influirà senza dubbio anche sul prossimo mercato estivo e, parlando proprio di mercato, Pierpaolo Marino ha rivelato un retroscena interessante.

Leggi anche: Spalletti, le parole su Icardi alla vigilia della Samp

Icardi Inter, quale futuro?

Nella trasmissione della Rai, infatti, l’ex direttore sportivo del Napoli ha svelato: “Ero a San Siro per Inter-Benevento in Coppa Italia, ho parlato col mio amico Piero Ausilio che mi ha detto: guarda che noi al momento di Icardi non abbiamo avuto nemmeno un sentore che qualcuno potesse pagare la clausola – rivela il direttore – Neanche uno che chiedesse di prendere Icardi. E’ solo Wanda che spinge”.

Parole chiare, che rivelano le intenzioni dei grandi club europei di non voler sborsare oltre 100 milioni per un attaccante che, per quanto implacabile, ha raccolto poca esperienza internazionale (quest’anno ha esordito in Champions) e soprattutto trascina con se un’agente che non gode sicuramente di stima e fiducia nell’ambiente. I prossimi mesi saranno decisivi per ricucire interamente un rapporto che sembra ora logoro; altrimenti il mercato riparerà tutte le fratture…