Infortunio Pastore, niente Porto per il Flaco

Porto Roma conferenza Di Francesco
(Photo by Andreas SOLARO / AFP) (Photo credit should read ANDREAS SOLARO/AFP/Getty Images)
Porto Roma conferenza Di Francesco
(Photo by Andreas SOLARO / AFP) (Photo credit should read ANDREAS SOLARO/AFP/Getty Images)

INFORTUNIO PASTORE – Che sia per un reale infortunio o per una decisione a fini “punitivi” di Di Francesco, fatto sta che Javier Pastore non farà parte della trasferta giallorossa in terra portoghese. Domani sera al Do Dragao la Roma affronterà il Porto di Conçeicao e lo farà senza contare sull’apporto di Pastore. Ufficialmente il giocatore ha rimediato un altro problema muscolare, stavolta al polpaccio sinistro, ma i più maliziosi hanno pensato ad una motivazione disciplinare dietro la scelta di Di Francesco di non chiamare per la gara di Champions l’ex Palermo e Psg.

Un infortunio, il quarto di una stagione terribile, accusato durante l’allenamento di ieri. Stavolta ad abbandonare Pastore è stato il polpaccio sinistro; ennesimo problema di un’annata che lo ha visto più in panchina o in infermeria che in campo. Un avvio incoraggiante di stagione, con due gol di tacco nelle prime gare, poi il veloce declino ai margini della rosa. Sabato scorso, poco prima dell’ingresso in campo nel derby a partita in corso, un episodio con il tecnico che non è sfuggito.

Leggi anche: Roma, vigilia di Champions. Parla Di Francesco

Infortunio Pastore, scintille da derby

Parole grosse infatti sarebbero volate tra il Flaco e Eusebio Di Francesco. Pastore non ha digerito l’ennesima esclusione tra i titolari, considerando il suo ingresso in campo troppo tardivo. L’episodio si è verificato intorno al 20’ del secondo tempo, quando Di Francesco ha chiesto a Pastore di accelerare la procedura di ingresso e ha ordinato la sostituzione di De Rossi. Pastore ha reagito stizzito alla chiamata del suo allenatore (che era di spalle e non ha assistito, ma sarà stato sicuramente informato) entrando piuttosto molle e blando in campo; poco prima che tutta la Roma crollasse sotto i colpi biancocelesti.