Sampdoria-Milan, Giampaolo: “Gara di autostima contro squadra forte”

Giampaolo Sampdoria Milan
(Photo by Paolo Rattini/Getty Images)
Giampaolo Sampdoria Milan
(Photo by Paolo Rattini/Getty Images)

SAMPDORIA MILAN 1-0 LE PAROLE DEI TECNICI – Intervistato ai microfoni di Dazn, Marco Giampaolo, tecnico della Sampdoria, ha parlato della vittoria contro il Milan: Messi dal mio punto di vista è il più forte al mondo, spesso si fanno paragoni con altri campioni ma penso che abbia qualcosa in più. Dipinge, fa cose straordinarie, i Messi sono come i Maradona, ci sono tanti campioni ma loro sono una cosa diversa. Il medico ha fatto la formazione con me? È stato bravo, a rischio esonero se non l’avessimo vinta, complimenti alla squadra perché ha giocato una gara di grande intensità contro un Milan forte, che ha qualità e sa giocare, ha grande autostima”.

LEGGI ANCHE: Sampdoria-Milan, Gattuso: “Noi sfortunati, pagato l’episodio del gol”

Sampdoria-Milan, Giampaolo: “Gap annullato con una prova di grande autostima”

L’allenatore blucerchiato ha quindi proseguito sulla prestazione della propria squadra: “Solo con una prova di grande autostima avremmo potuto annullare il gap. Siamo stati in partita fino alla fine, i calciatori di qualità non necessariamente non hanno la possibilità di non mettere la testa dentro la partita. Temevo un calo fisico, il primo allenamento l’abbiamo fatto insieme giovedì e nemmeno tutti perché c’era qualche problema fisico. Non conoscevo la condizione dei giocatori, ci siamo stati fino alla fine, ci hanno messo qualcosa in più rispetto al solito, un pizzico di consapevolezza in più”.

LEGGI ANCHE: Pagelle Sampdoria-Milan 1-0: voti, tabellino e highlights del match – VIDEO

Sampdoria-Milan, Giampaolo: “Qui ho trovato tanti giocatori disposti a darmi il sangue”

Giampaolo ha infine detto la sua sulla prova estremamente positiva di alcuni suoi giocatori: Defrel, Quagliarella, anche Ramirez che era in condizione precaria, Linetty e Praet hanno corso tanto. L’obiettivo è correre nella metà campo degli avversari, così motivi gli attaccanti a correre. Li devi convincere, serve spirito di sacrificio collettivo, se l’attaccante non ti dà disponibilità non riesci a farlo, ma qui ho trovato giocatori disposti a darmi anche il sangue. Una barca in regalo in caso di Europa? Son battute che faccio al presidente, non gli ho mai chiesto nulla, ogni tanto gliela giro come di battuta. Comunque vorrei una barca a vela”.