Roma-Napoli 1-4, Ancelotti e Ranieri parlano in conferenza

(Photo by Ciro Sarpa SSC NAPOLI/SSC NAPOLI via Getty Images)
Spal Roma conferenza Ranieri
(Photo by Andreas SOLARO / AFP) (Photo credit should read ANDREAS SOLARO/AFP/Getty Images)

ROMA NAPOLI 1-4, le parole degli allenatori- Stati d’animo comprensibilmente diversi quelli in sala stampa all’Olimpico, dopo la vittoria per 4-1 del Napoli sulla Roma. Comprensibilmente deluso Claudio Ranieri che si è trovato a commentare una prestazione troppo brutta dei suoi ragazzi, mai realmente in partita nonostante il pareggio alla fine del primo tempo. E’ invece raggiante Carlo Ancelotti che, oggi a Roma, ha visto una delle migliori prestazioni del sul Napoli.

Leggi anche: Roma-Napoli, poker azzurro all’Olimpico

Roma Napoli, parla Ancelotti

A chi gli fa presente il primo successo contro una big dopo tanto tempo (la vittoria, sempre a Roma, contro la Lazio alla prima giornata, Ancelotti risponde: “Lo desideravo, i segnali erano positivi e la squadra ha ripetuto quello che avevamo provato in allenamento. Avevo visto uno spirito positivo, squadra fresca e motivata. Queste partite servono per la classifica ma aumentano anche l’autostima e vincere qui serve per affrontare un periodo importante e vogliamo farci trovare pronti“.

In settimana il Napoli affronterà al Castellani l’Empoli in una delicata sfida che i toscani non possono fallire. L’appuntamento più importante per gli azzurri rimane, il 12 aprile, quello contro l’Arsenal in Europa League.

Roma Napoli, parla Ranieri

Parla anche Claudio Ranieri in sala stampa, ecco le parole del tecnico giallorosso: “Dobbiamo stare calmi, lavorare e recuperare al più presto. Siamo in un periodo difficile, bisogna che i tifosi ci stiano ancor più vicini. Zaniolo fuori? Due ore prima della partita ho saputo che Zaniolo non se la sentiva di giocare perché era stato male venerdì notte, quindi ho messo dentro Cristante”.

Dimissioni? “No, devo salvare il salvabile ma sapevo che la situazione sarebbe stata difficile. Oggi posso solo ringraziare quei ragazzi che, nonostante i problemi, hanno voluto giocare perché significa che ci tengono“.