Atalanta-Bologna, Mihajlovic: “Nonostante il ko ho fiducia nei miei ragazzi”

Atalanta Bologna Mihajlovic
(Photo by Emilio Andreoli/Getty Images)
Atalanta Bologna Mihajlovic
BERGAMO, ITALY – APRIL 04: Bologna FC coach Sinisa Mihajlovic looks dejected during the Serie A match between Atalanta BC and Bologna FC at Stadio Atleti Azzurri d’Italia on April 4, 2019 in Bergamo, Italy. (Photo by Emilio Andreoli/Getty Images)

ATALANTA BOLOGNA MIHAJLOVIC L’Atalanta seppellisce il Bologna sotto quattro gol in appena 15 minuti e si porta a un punto da quel quarto posto ora occupato dal Milan e che vale la Champions League. A Bergamo finisce 4-1, ma la Dea vola a inizio partita:
Josip Ilicic segna una doppietta con due prodezze al 3′ e al 5′, quindi serve a Hans Hateboer l’assist del tris al 9′. Al 15′ Duvan Zapata cala di potenza il poker. Ospiti a segno al 54′ con Riccardo Orsolini. Al termine del match il tecnico dei rossoblu Sinisa Mihajlovic ha rilasciato queste dichiarazioni ai microfoni di Sky Sport

-> LEGGI ANCHE: Atalanta-Bologna, Gasperini: “La Champions non è il nostro obiettivo”

Atalanta Bologna Mihajlovic

“Devo dire che nel primo quarto d’ora non siamo entrati bene in campo come siamo abituati. Devo dire che siamo anche sfortunati che loro ai primi due tiri in porta hanno trovato due eurogol. Abbiamo perso una partita contro una squadra più forte di noi, fisicamente e tecnicamente. Dispiace a tutti ma è solo una partita. Non dobbiamo perdere fiducia e quanto di buono fatto in questi due mesi. Oggi avevamo un po’ di giocatori che avevano giocato poco e niente. E’ stato difficile ma abbiamo corso questo rischio e purtroppo abbiamo perso. Io, come ho detto ai ragazzi, ho fiducia in loro, ho un gruppo meraviglioso che si è allenato bene e ha dato il massimo. Non ho nulla da rimproverare se non quei 10-15 minuti ma ci può stare. Poi dopo abbiamo fatto quello che potevamo fare, l’importante è che non abbiamo sbragato. E’ solo una sconfitta, per fortuna che lunedì abbiamo un’altra partita, da domani iniziamo a fare quello che abbiamo sempre fatto e cercheremo di vincere”.

Calcolo sui diffidati

Lasciare fuori sei diffidati più Palacio non hai rischiato di far passare il messaggio che la partita era persa in partenza? “No. Come ho detto, io ho un gruppo meraviglioso dove tutti si meritano di giocare. Un allenatore, quando ha un gruppo del genere, cerca di dare la possibilità di giocare a tutti. Abbiamo giocatori che non riescono a giocare tre gare in una settimana, avevamo anche diffidati e ho pensato di dare un’opportunità a chi non gioca di farsi vedere. Io ho fiducia in tutti loro e continuo ad avere fiducia in loro nonostante la sconfitta”. C’è bisogno di ritrovare entusiasmo? “Io ho già parlato con tutti. Quali che ho potuto inserirli li ho messi, chi non mi dava garanzie ho cercato di cambiarli. Ero sicuro che i ragazzi avessero fatto la prestazione e l’hanno fatta. Chi ha giocato poco, in un campo come questo, puoi correre il rischio. Abbiamo avuto la sfortuna perchè i due gol di Ilicic sono due meraviglie. I ragazzi, a parte questi 10-15 minuti, hanno cercato di giocare. Abbiamo perso una partita ma mancano ancora otto giornate e se giochiamo come sappiamo abbiamo opportunità di vincere. Quello che ho fatto lo rifarei perché ho fiducia in loro”. I diffidati rimangono diffidati. “Diciamo che tra quelli che potevano giocare c’era solo uno che potevo rischiare: Mbaye. Dzemaili e Poli sono quelli che fanno fatica a fare tre gare in una settimana così come Danilo. Santander, diffidato, è tornato l’altro ieri col gruppo. Non è tanto per i diffidati ma non avere a disposizione tutta la squadra che mi poteva dare il massimo. Sapevamo di incontrare una squadra fisica e non potevo mettere giocatori che dal punto di vista della corsa non mi avrebbero dato garanzie. La cosa fondamentale è che loro, per come si comportano, meritano di giocare tutti titolari”.

Redazione Serie A News