Roma, Under: “Durante l’infortunio ho avuto paura e un dubbio”

(Photo by Filippo MONTEFORTE / AFP) (Photo credit should read FILIPPO MONTEFORTE/AFP/Getty Images)
(Photo by Filippo MONTEFORTE / AFP) (Photo credit should read FILIPPO MONTEFORTE/AFP/Getty Images)

UNDER – Intervistato ai microfoni di Dazn, Cengiz Under, esterno offensivo della Roma, ha parlato del suo periodo di infortunio e delle sue paure: “Generalmente mi chiamano tutti Genco, già in Turchia mi chiamavano così. Dall’anno scorso è diventato il mio nome anche a Roma, in turco Cengiz significa imbattibile e devo dire che mi piace molto. Sono stato fuori due mesi, ho avuto un po’ di paura, morivo dalla voglia di tornare in campo con i miei compagni e ho avuto il dubbio di non essere proprio imbattibile. Dentro di me pensavo: “E se mi infortunassi di nuovo allo stesso modo?” ma per fortuna adesso sono tornato ad allenarmi con i miei compagni. Ho giocato qualche partita e spero di ritrovare continuità”.

LEGGI ANCHE: Sampdoria-Roma, probabili formazioni: Ranieri alla ricerca dei 3 punti

Roma, Under: “Ho sempre seguito David Silva e mi ispiro a lui”

L’ala d’attacco ha quindi proseguito sui suoi modelli: “Ho sempre pensato fosse utile guardare i grandi ma riguardavo soprattutto le mie partite per lavorare sugli errori. Ho sempre seguito David Silva anche se non giochiamo nella stessa posizione. Mi piace molto il suo stile, è di ispirazione. Quello che noto, riguardando le mie partite, è che alla Roma sono cresciuto tantissimo, sia in fase offensiva che difensiva. Ho le giuste motivazioni per continuare a migliorare”.

LEGGI ANCHE: Sampdoria-Roma, conferenza stampa Ranieri: “Zaniolo resta con noi”

Roma, Under: “Mi sono dispiaciuto per Monchi. Di Francesco mi ha dato consigli che non dimenticherò mai”

Under ha infine detto la sua sugli addii del tecnico Eusebio Di Francesco e del direttore sportivo Monchi: “Monchi mi ha portato qui, sono dispiaciuto per lui. Di Francesco mi ha dato consigli che non dimenticherò mai per tutta la vita. Ho sempre sentito la sua fiducia. Anche quando non giocavo molto, percepivo che credeva in me. Poi ho iniziato a giocare e a segnare. Sono proprio dispiaciuto ma sono cose che accadono nel calcio. La vita è spietata, il calcio ancora di più”.