Juve Ajax 1-2 in diretta LIVE: triplice fischio, De Ligt condanna i bianconeri

(Photo by JOHN THYS / AFP) (Photo credit should read JOHN THYS/AFP/Getty Images)
(Photo by JOHN THYS / AFP) (Photo credit should read JOHN THYS/AFP/Getty Images)

JUVENTUS AJAX CRONACA LIVE – A seguire la cronaca della partita in tempo reale a partire dalle ore 21:

Termina il match

88′ Sostituzione Ajax: fuori Ziyech, dentro Huntelaar

82′ Sostituzione Ajax: fuori Sinkgraven, dentro Magallan

81′ Sostituzione Juventus: fuori Bernardeschi, dentro Bentancur

67′ GOL AJAX! Calcio d’angolo di Schone per il colpo di testa vincente di De Ligt che anticipa Alex Sandro e Rugani

64′ Sostituzione Juventus: fuori De Sciglio, dentro Cancelo

46′ Sostituzione Juventus: fuori Dybala, dentro Kean

Riprende il gioco

Termina il primo tempo

34′ GOL AJAX! Tiro di Zyiech che diventa un assist per Van de Beek che da solo di fronte a Szczesny lo trafigge e riporta il punteggio in parità

28′ GOL JUVENTUS! Su calcio d’angolo di Pjanic colpo di testa vincente di Cristiano Ronaldo completamente senza marcatura in mezzo all’area

11′ Sostituzione Ajax: fuori Mazraoui, dentro Sinkgraven

Fischio d’inizio
Leggi anche: Juventus-Ajax, le formazioni ufficiali e ultime da Torino

Juventus Ajax cronaca live, il tabellino

JUVENTUS (4-3-3): Szczesny; De Sciglio (9′ st Cancelo), Bonucci, Rugani, Alex Sandro; Emre Can, Pjanic, Matuidi; Bernardeschi (36′ st Bentancur), Dybala (1′ st Kean), Ronaldo. A disposizione: Pinsoglio, Spinazzola, Barzagli, Khedira. Allenatore: Allegri

AJAX (4-3-3): Onana; Veltman, De Ligt, Blind, Mazraoui (11′ st Sinkgraven)(36′ st Magallan); Schone, De Jong; Ziyech (43′ st Huntelaar), Van de Beek, Neres; Tadic. A disposizione: Varela, De Wit, Dolberg, Ekkelenkamp. Allenatore: Ten Hag

ARBITRO: Turpin (Francia)

MARCATORI: 28′ pt Ronaldo (J), 34′ pt van de Beek (A), 22′ st De Ligt (A)

NOTE: Ammoniti: Emre Can, Ronaldo (J); (A). Recupero: 5’pt – 3’st. Calci d’angolo: 4-5 per l’Ajax

-> Leggi anche Juventus-Ajax, Allegri in conferenza stampa: “Dovremmo essere delle iene”