Serie A, tagli stipendi: l’Aic esce allo scoperto, spazio al nuovo scenario!

Juventus' Portuguese forward Cristiano Ronaldo (2ndL) reacts as Lokomotiv players celebrate after opening the scoring during the UEFA Champions League Group D football match Juventus vs Lokomotiv Moscow on October 22, 2019 at the Juventus stadium in Turin. (Photo by Marco Bertorello / AFP) (Photo by MARCO BERTORELLO/AFP via Getty Images)
 (Photo by Marco Bertorello / AFP) (Photo by MARCO BERTORELLO/AFP via Getty Images)

TAGLIO STIPENDI SERIE A- Come riportato nelle ultime ore, la riunione tra l’associazione calciatori e la Lega calcio sarebbe stata rimandata a data da destinarsi. Tuttavia, l’Aic ha diramato comunque un comunicato ufficiale, il quale spiega il pensiero dei giocatori in questa fase delicata della stagione.

Il comunicato rivela: “Nei momenti di difficoltà ognuno deve fare la sua parte. I calciatori sono già sintonizzati su questo, ma va capito quale sia la parte che vorranno e dovranno fare le altre componenti del movimento”.

Leggi anche: Calciomercato, Inter: Lautaro dice sì al Barcellona. Juve, sogno Kane. Milan, Donnarumma verso il Chelsea

Taglio Stipendi Serie A, apertura alla riduzione degli ingaggi

Il comunicato dell’Aic ha poi aggiunto: “Dalla Serie A ai Dilettanti l’auspicio è quello di, avendone le condizioni di sicurezza, poter portare a termine la stagione, fosse anche superando la data del 30 giugno. Le condizioni di ripresa dell’attività dovranno avvenire in condizioni di approfondito controllo medico e rispettando tutte le indicazioni che verranno fornite dai medici e dalla FMSI”.

Infine un cenno anche alla possibile sospensione del campionato e alle decisioni che potrebbero giungere di conseguenza: “Nella purtroppo malaugurata ipotesi di chiusura anticipata della stagione lo scenario ci vedrà senz’altro partecipi della situazione e per questo i calciatori sanno di dover svolgere la loro parte – prosegue il testo -. In questo senso è stata evidenziata come nelle diverse categorie siano diverse le esigenze ma si è stati tutti concordi nell’obiettivo di tutelare le posizioni delle categorie più in difficoltà