Ripresa Serie A: Bologna, Parma, Sassuolo e SPAL: via agli allenamenti dal 4 maggio!

BOLOGNA, ITALY - FEBRUARY 01: Riccardo Orsolini of Bologna FC celebrates after scoring a goal during the Serie A match between Bologna FC and Brescia Calcio at Stadio Renato Dall'Ara on February 01, 2020 in Bologna, Italy. (Photo by Mario Carlini / Iguana Press/Getty Images)
 (Photo by Mario Carlini / Iguana Press/Getty Images)

RIPRESA SERIE A- Bologna, Parma, Sassuolo e SPAL potranno riprendersi ad allenarsi a partire dal prossimo 4 maggio. E’ questa la nuova ordinanza  firmata dal presidente della Regione Emilia Romagna, Stefano Bonaccini. Si tratta di una piccolo colpo di scena, che però rischia di creare uno scontro istituzionale tra Esecutivo e Regione.

Come noto, l’ultimo decreto del Governo ha dato il via agli allenamenti degli sport individuali a partire dal 4 maggio, posticipando la decisione sugli allenamenti degli sport di squadra dopo il 18 maggio. Detto questo, la nuova ordinanza del presidente dell’Emilia Romagna avrebbe anticipato le presunte mosse del Governo.

Leggi anche: Ripresa Serie A, Gravina: “Non firmo lo stop, lo faccia il Governo”. Spadafora: “Serve intesa sui protocolli”

Ripresa Serie A, piano allenamenti: la Juve aspetta Ronaldo. Quando riparte la Serie A?

Come anticipato, gli allenamenti potrebbero ripartire già dal 4 maggio, notizia confermato per le squadre emiliane, ma con possibile allargamento del raggio d’azione anche per quel che riguarda le altre squadre delle altre regioni. Di fatto, come evidenziato dai colleghi di “SportItalia“, ci sarebbe stato una piccola apertura del Governo al possibile anticipo delle attività dall’allenamento nei proprio centri sportivi.

La Juventus, per esempio, sarebbe pronta a riabbracciare Cristiano Ronaldo, pronto a far ritorno in Italia già nel week end in attesa di nuovi comunicati ufficiali da parte del Governo italiano. La Serie A, invece, stando alle ultime indiscrezioni, potrebbe riaprire ufficialmente i battenti tra il 10-12 giugno. Occhio, però, anche alla parole del ministro Spadafora, il quale apre anche all’ipotesi di sospensione definitiva del campionato.