Inter, i social difendono Eriksen e massacrano Conte: “Vergognati!”

conte inter kolarov
Conte (Getty Images)

Anche contro il Bologna l’allenatore dell’Inter, Antonio Conte, ha concesso pochissimi minuti a Eriksen. Stavolta i social non perdonano

Quattro, cinque, uno. Non è una sorta di conto alla rovescia ma il tempo che Antonio Conte ha concesso a Christian Eriksen nelle ultime partite. Il centrocampista danese è stato ‘umiliato’ dall’allenatore dell’Inter anche contro il Bologna, che lo ha fatto entrare quando ormai la partita era finita, trattandolo come un giovane qualsiasi a cui ha regalato l’esordio in Serie A.

Un trattamento inspiegabile per un calciatore di grande valore che ormai aspetta solo gennaio per andare via. I due non hanno mai legato e Conte mente, a fine partita, quando dice: “Con Eriksen ho un bel rapporto, come tutti. Sta crescendo”. Non è così e lo sa bene anche lui, che lo fa entrare quasi per punizione, comportamento a dir poco discutibile che, stavolta, nonostante la vittoria, non è passato inosservato.

LEGGI ANCHE >>> Inter-Bologna dimostra perché Lukaku darà lo scudetto a Conte

Inter, i social massacrano Conte per il caso Eriksen

 

Ieri sera, pochi minuti dopo la vittoria dell’Inter col Bologna, i social parlavano di altro: non di Hakimi, non di Lukaku, ma di Eriksen, del trattamento che Conte gli ha riservato. Ancora una volta il danese è entrato alla fine senza poter dare il suo contributo alla causa. Il suo nome è diventato tendenza su Twitter in pochissimo tempo, tanti tifosi si sono schierati al suo fianco criticando il comportamento di Conte. A fine partita non è passato inosservato il gesto di Eriksen che, mentre la squadra festeggiava, rientrata triste negli spogliatoi. Magari ripensando all’errore commesso quando un anno fa ha scelto di accettare l’Inter. Ma non poteva saperlo…

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

La Juve dai due volti: soffre, rischia ma alla fine la spunta col Torino

Inter-Bologna 3-1, Conte muto per manifesta inferiorità. Degli altri