È sempre pazza Inter: l’ex Barella, D’ambrosio e Lukaku ribaltano il Cagliari

D'Ambrosio esulta
D'Ambrosio (Getty Images)

Finisce 1-3 l’anticipo domenicale di serie A tra Cagliari e Inter con i nerazzurri capaci di rimediare al gol di Sottil con le reti, nel finale, di Barella (rete numero 5000 nerazzurra in A) e D’Ambrosio. Nel recupero punto esclamativo di Lukaku

L’anticipo domenicale di serie A dell’ora di pranzo tra Cagliari e Inter, è iniziato alle 12.45, causa problemi tecnici alla regia della Lega. Appena il match ha preso il via, la squadra di Conte ha subito serrato i ranghi, mantenendosi stabilmente dalle parti di un Cragno versione Nazionale.

Eriksen, schierato dal 1′ dietro Lukaku e Sanchez, ha illuminato la scena nella prima parte di gara, ma soprattutto il belga ha sciupato diverse palle gol andando a sbattere contro il portiere rossoblù. In tutto ciò, i sardi non hanno demeritato, rendendosi pericolosi con delle veloci ripartenze.

Sul finale della prima frazione di gara, al 42′, è arrivato l’inaspettato vantaggio cagliaritano firmato Sottil che sembrava potesse far sprofondare l’Inter e lo stesso allenatore nel baratro. Squadra, lo ricordiamo, reduce dal disastro europeo.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Barella realizza il gol numero 5000 dell'Inter in A
Barella realizza il gol numero 5000 dell’Inter in A (Getty Images)

Barella realizza il gol numero 5000 in A dell’Inter, D’ambrosio sorpassa il Cagliari e Lukaku la chiude

Nella ripresa, con Hakimi al posto di Perisic, l’Inter riprende a macinare gioco e attaccare a testa bassa, ma la porta dell’insuperabile Cragno sembra stregata. Entrano anche Young e Sensi per Darmian ed Eriksen, calato alla distanza, ma le cose non sembrano cambiare. Anzi, è il Cagliari a prendere coraggio e credere all’impresa.

LEGGI ANCHE >>> Cagliari Inter posticipata: l’anticipo domenicale partirà alle 12.45

La pazza Inter, unica costante negli anni, però non muore mai e quando le speranze sembrano abbandonare Conte, ecco il lampo dell’ex di turno Barella a rimettere le cose a posto. È il 77′ e il giovane centrocampista nerazzurro realizza il gol numero 5000 della squadra in A, ma il pari non può bastare. Al minuto numero 84 ci pensa D’Ambrosio, appena subentrato ad Hakimi, a ribaltare la situazione. A chiuderla è il solito Lukaku nel recupero.