Caso Suarez, arrivano le dimissioni: “Profondo rammarico”

caso suarez perugia juventus
Luis Suarez con la maglia dell'Atletico (Getty Images)

Il caso Suarez tiene ancora banco: mentre si attendono le decisioni della giustizia, arrivano le dimissioni ufficiali

Non si fermano le ripercussioni del caso Suarez. L’esame di italiano sostenuto dall’attaccante uruguaiano per ottenere la cittadinanza ha portato alle dimissioni di Giuliana Grego Bolli, rettrice dell’Università per Stranieri di Perugia Giuliana Grego Bolli. Una decisione arrivata quest’oggi e riportata da repubblica.it, citando l’Ansa. La Grego Bolli, sospesa dall’esercizio del pubblico ufficio per otto mesi come conseguenza dell’indagine sull’esame per Luis Suarez, ha comunicato al ministero dell’Università Gaetano Manfredi la decisione di lasciare l’incarico.

“Ho maturato questa decisione da poche ore – le parole della Grego Bolli riportate dal quotidiano – con profondo rammarico e personale sofferenza”. L’ormai ex rettrice si dice onorata dei due anni di “gestione sfidante, ma anche proficua dell’Istituzione” che ha servito prima “come docente devota e dedicata per oltre quaranta anni”.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Caso Suarez, si dimette la rettrice Grego Bolli

Le dimissioni della rettrice Giuliana Grego Bolli sono un nuovo capitolo del caso Suarez. Un’inchiesta che coinvolge anche il CFO della Juventus Fabio Paratici che ha sempre respinto qualsiasi tipo di addebito. Sotto indagine anche gli avvocati Luigi Chiappero e Maria Turco. La Grego Bolli ha deciso di lasciare l’Ateneo, comunicando le sue dimissioni per raggiunti limiti contributivi dall’inizio di marzo 2021.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> “Mi chiamo Suarez e gioco alla PlayStation”, le frasi dell’esame farsa

Una scelta spiegata in una lettera indirizzata all’Università, dove afferma di voler “anteporre il bene dell’Ateneo” al legittimo diritto di difesa. Diritto che l’ex rettrice ha detto di voler continuare ad esercitare, in maniera più libera, “come privato cittadino, nella consapevolezza di avere sempre operato con onestà e correttezza”.