Theo Hernandez è l’uomo in più del Milan: nessuno come lui in Serie A

Theo Hernandez Milan
Theo Hernandez (Getty Images)

Theo Hernandez è l’uomo in più del Milan di Stefano Pioli. Il laterale sinistro non fa sentire la mancanza in attacco di Zlatan Ibrahimovic.

Il Milan di Stefano Pioli è senza dubbio una delle squadre più in forma del momento. I rossoneri, ancora imbattuti nella stagione in corso, si godono il primo posto in classifica generale. Nonostante ciò, a pesare non poco è l’assenza di Zlatan Ibrahimovic, fermo ai box dopo l’infortunio accorso durante la gara di campionato contro il Napoli. Una lesione al bicipite femorale della coscia destra quasi del tutto accantonata, visto il ritorno in gruppo a Milanello delle ultime ore.

A trainare per mano la squadra, nel frattempo, ci ha pensato Theo Hernandez, attualmente il vero uomo in più della formazione rossonera. Nell’ultimo match, quello che ha visto pareggiare per 2-2 i ragazzi di Pioli contro il Parma, il difensore francese ha siglato una doppietta, confermandosi in forma smagliante ancora una volta. Un gol di testa ed una conclusione precisa e potente che ha dato il via ad una rabbiosa reazione del Milan. Fortemente voluto da Maldini nella finestra di mercato della scorsa stagione, il terzino ex Real Madrid ha rubato la scena ai compagni.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Milan Theo Hernandez
Theo Hernandez autore della doppietta del 2-2 in Milan-Parma (Photo by ISABELLA BONOTTO/AFP via Getty Images)

Theo Hernandez il migliore in Serie A

Nove gol in serie A sono un bottino per niente da disprezzare, anzi. Secondo le valutazioni del portale Transfermarkt, a sinistra quasi nessuno riesce ad essere al suo livello. Il classe 1997 è il laterale sinistro che vale di più in tutta la Serie A. Egemonia francese nei confini del Bel Paese. In Europa, invece, è appena fuori dalla top 5, dinanzi a calciatori di tutto livello come Alex Sandro, Mendy e Telles.

LEGGI ANCHE >>>Il Milan ritrova Ibrahimovic: con il Genoa tornerà a disposizione

Insomma, manca un mostro sacro come Ibra, ma per fortuna c’è Theo. Ne è contento Pioli, serio candidato alla vittoria finale del campionato.