L’attaccante perfetto per il Milan (non) gioca in Serie A

pioli milan risultati Serie A
Milan, Pioli (Getty Images)

Il secondo infortunio ravvicinato di Ibrahimovic costringe il Milan ad una riflessione: a gennaio serve un’altra punta che si alterni allo svedese?

Ibrahimovic si è fermato di nuovo e stavolta il Milan riflette: forse serve un altro centravanti? Gennaio è vicino e il mercato offre qualche ghiotta opportunità. Se serve un attaccante pronto e valido, il primo nome è quello di Arek Milik. Una ghiotta occasione per il Milan. Un centravanti di valore, fermo, in scadenza di contratto, che ha tanta voglia di riscatto e, soprattutto, che conosce già il campionato italiano. Milik può diventare la suggestione a sorpresa dell’inverno rossonero, l’uomo della provvidenza che non farebbe rimpiangere Ibra e che, nel caso, sarebbe anche pronto a giocare alle sue spalle sfruttando gli spazi che lo svedese sa creare col suo gioco di fisico e sponde.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Arek Milik
Arek Milik – GettyImages

Milan, perché Milik può essere l’uomo giusto

Milik ha assoluto bisogno di trovare squadra perché altrimenti correrà il rischio di perdere il treno per gli Europei. Dalla federazione polacca sono stati chiari: se resta fermo altri sei mesi, addio Euro 2020. Per questo il Napoli sa che a gennaio potrà sbloccarsi qualche cessione. Su Milik ci sono Juve, Roma e Fiorentina. Il Milan, nel caso, avrebbe un vantaggio: trattativa inedita col Napoli. Se i tre club italiani hanno già dialogato in estate con De Laurentiis e Milik senza trovare un accordo, la società rossonera avrebbe la possibilità di intromettersi con l’offerta giusta che soddisfi tutte le parti in causa.

LEGGI ANCHE >>> Quando il Milan pensa di recuperare Ibrahimovic 

Milik, 38 gol in 93 partite in Serie A, attende il suo momento. Il suo agente è stato a Napoli, ha parlato con la società, sa che il club azzurro, nonostante il contratto in scadenza, non libererà Milik a prezzo di saldi. La valutazione resta alta, 18 milioni, ma per un giocatore di 26 anni si tratta di un ottimo compromesso. Il Milan lo sa.