Genoa, crack Sturaro: accertamenti dopo l’infortunio, ecco il responso

Stefano Sturaro
Stefano Sturaro - GettyImages

Novità dall’infermeria di casa Genoa. Brutte notizie per Stefano Sturaro, infortunatosi in allenamento il 22 dicembre. 

Quella del Genoa è una situazione delicata, al punto da aver richiesto negli ultimi giorni un cambio di direzione tecnica. Via Rolando Maran, con il quale la squadra non è riuscita ad andare oltre la zona retrocessione.

Un cammino pericoloso, che portato cosi il club a prendere una decisione drastica. Ne fa le spese l’allenatore, come spesso succede nel mondo del calcio. Ed ecco che in casa rossoblu si cambia pagina.

Davide Ballardini ha è tornato, di nuovo, firmando un nuovo contratto con il Grifone. Un ritorno gradito da parte di tutto l’ambiente che nutre grande stima nei confronti dell’allenatore ravennate.

Di fatto è arrivata anche la prima vittoria del Genoa, proprio alla prima di Ballardini: un successo in casa dello Spezia che ha ovviamente dato gran spolvero a tutto l’ambiente.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Stefano Sturaro
Stefano Sturaro -GettyImages

Genoa, brutte notizie: novità sull’infortunio di Sturaro

Se il campo sorride per il Genoa, dall’infermeria arrivano cattive notizie. Dopo l’infortunio in allenamento, le condizioni di Stefano Sturaro hanno ricevuto tutti gli accertamenti del caso, arrivando al responso definitivo.

Gli esami strumentali, riporta il sito ufficiale del club, hanno evidenziato “per il centrocampista rossoblù una lesione di primo grado al bicipite femorale destro”. Non una buona notizia.

LEGGI ANCHE >>> Mino Raiola a Torino ma non per Pogba, spunta la verità sul blitz

Il centrocampista rossoblu, infatti, dovrà restare fermo per almeno tre partita, in un momento della stagione che poteva rappresentare la svolta. Sturaro dovrebbe saltare i match contro Lazio, Sassuolo e Bologna.

Dopo aver già mancato la sfida contro lo Spezia, la prima del nuovo corso Ballardini, per Sturato sarà necessario stare fuori almeno altre due settimane prima di rientrare in campo e poter dare il suo contributo.