Giovinco e la voglia di tornare in Italia, due club l’hanno già respinto

Sebastian Giovinco
Sebastian Giovinco - GettyImages

Giovinco ha voglia di tornare a casa, in Serie A. Sarebbero due i club ad aver già declinato l’eventualità di accogliere l’ex Juventus. 

E’ dal 2015 che Sebastian Giovinco non calca più i campi italiani. Dopo l’ultima esperienza alla Juventus, infatti, il giocatore nativo di Torino ha deciso di cambiare aria, provando a cercare fortuna ben lontano dal suo nostrano. L’esperienza negli Usa con i Toronto FC, infatti, è sembrata la scelta migliore per provare a riscrivere la sua carriera.

Dopo gli states un’altra esperienza lontano dal Belpaese, quella con l’Al-Hilal in Arabia Saudita che al momento, però, sembra non bastare più all’ex attaccante bianconero che spera di tornare in Italia.

Arrivato all’età di 34 anni (li compirà il 27 gennaio), infatti, per Giovinco sarebbe diventato un desiderio quello di tornare a casa e provare a scrivere le ultime pagine della sua carriera calcistica all’interno del contesto italiano.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Giovinco e la voglia d’Italia, già due rifiuti

Chi ne gestisce la procura – rivela la Gazzetta dello Sport – sta lavorando proprio per fare si che si possa aprire uno spiraglio per il ritorno di Giovinco nel nostro paese. Dopo tanti anni, ovviamente, l’impresa è tutt’altro che semplice.

L’attaccante si sarebbe proposto a due club italiani – scrive la rosea – che gli avrebbero rifilato un bel due di picche: Parma e Genoa, infatti, non sarebbero ben disposte ad accogliere l’ex Juventus, ma il motivo è presto detto.

LEGGI ANCHE >>> Finalmente Papu, l’incontro che può cambiare le sorti di Gomez

Il sostanzioso ingaggio che il giocatore percepisce al momento, va ben al di là delle disponibilità di un qualsiasi club italiano di media classifica. Ed è chiaro che, ad oggi, le possibilità di rivedere Giovinco in Serie A già dalle prossime settimane sono estremamente risicate. Va detto, però, c’è fino alla fine della sessione c’è ancora tempo.