Inter, slittano gli stipendi e il pagamento di Hakimi: le ultime

inter conte infortunio sanchez condizioni
Conte (Getty Images)

Faccia a faccia alla Pinetina. L’Inter si è radunata tutta per discutere del presente e del futuro societario.

L’Inter deve risolvere diverse problematiche. Per questo motivo, oggi alla Pinetina, la società e la squadra tutta si è radunata per un faccia a faccia che non ha escluso nessuno. In vista della sfida contro la Juventus di domani, la società nerazzurra ha fatto il punto della situazione, toccando la questione societaria e la questione stipendi.

Marotta Suning riunione stipendi pinetina
Marotta e Steven Zhang (GettyImages)

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Inter, riunione tra dirigenza e calciatori

Come riporta la Repubblica, Antonio Conte, Beppe Marotta, Alessandro Antonello e tutti i calciatori, prima dell’allenamento del venerdì, hanno avuto un incontro informale di circa un quarto d’ora. Marotta ed Antonello, i due amministratori delegati dell’Inter, hanno aggiornato i calciatori sulla situazione degli stipendi arretrati: le mensilità di luglio ed agosto verranno saldate entro il 16 febbraio. Lo stesso vale per gli impegni economici di novembre e dicembre. Nessuna domanda, solo un piccolo capannello a riunione conclusa per discutere tra loro. Dialogo aperto tra la dirigenza ed i senatori dello spogliatoio: la mission è evitare di incappare in sanzioni previste dalle norme federali (perdita di punti in classifica, ndr).

LEGGI ANCHE >>> Inter, cambio di rotta su Eriksen? Conte gli tende la mano

Questione Hakimi

L’emergenza sanitaria causata dal Coronavirus ha avuto riflessi anche sull’andamento economico societario. Per questo motivo, infatti, il club è incappato in difficoltà economiche inaspettate che hanno, per ovvi motivi, modificato i piani della dirigenza. Una su tutte, il pagamento del cartellino di Achraf Hakimi. I nerazzurri hanno firmato un accordo con il Real Madrid di Florentino Perez al fine di effettuare il pagamento della prima rata da 10 milioni di euro entro il prossimo 30 marzo. Il versamento era previsto, inizialmente, lo scorso dicembre.