Dzeko, mettetevi nei suoi panni

Dzeko festeggia dopo un gol
Dzeko (GettyImages)

Edin Dzeko vive l’ennesima sessione di mercato da protagonista confuso: le ultime voci sul futuro dell’attaccante della Roma si aggiungono a quelle degli anni passati

Provateci voi a sorridere mentre attorno c’è il caos, a giocare sapendo di poterlo fare, presto, con un’altra maglia, trovandosi al centro del mercato. Un giorno al Chelsea, uno all’Inter, poi alla Juventus. Infine sempre alla Roma. Che non è neppure così brutta, anzi, ma ad un certo punto è diventata l’eterna città “momentanea” in attesa di eventi che non si sono verificati. L’insoddisfazione di Dzeko, la distanza con Fonseca e il rischio di restare fuori senza cessione, è figlia di un lungo periodo in cui l’attaccante bosniaco è stato accostato a tante società, a troppi club. Era diventata la moda del momento: indovina chi? acquisterà Dzeko.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Edin Dzeko protesta
Edin Dzeko (Getty Images)

Dzeko, la Roma e i paradossi del mercato

Qualche anno fa, a metà stagione, gennaio 2018, sembrava diretto al Chelsea. Una cessione inevitabile, con Nainggolan, per far respirare le casse del club. Fu un inverno gelido, reso bollente dai rumors inglesi. Dzeko rimase al suo posto e restò alla Roma anche mesi dopo, quando sembrava pronto per trasferirsi all’Inter, dove c’era Conte che, da sempre, è un suo grande sponsor. In estate, l’ultima, ancora voci. La Juventus ci ha pensato sul serio e avrebbe chiuso volentieri il suo acquisto.

LEGGI ANCHE >>> Inter, Conte promuove Eriksen e blocca il mercato: “Fa parte del progetto”

Dzeko aveva detto sì, tutto dipendeva dal trasferimento di Milik alla Roma, affare saltato sul più bello. Dzeko, che era già stato (virtualmente) a Londra e Milano, sfiora appena anche Torino, quindi resta a Roma. Si era abituato, ormai, a vedersi altrove, ritrovandosi sempre a Roma. La sua casa da sei anni, 114 gol in 242 partite e in quanti di questi si è nascosto “l’ultimo” prima dell’addio. Vuoi vedere che l’ultimo sarà ancora il prossimo?