Boateng lascia il Mondiale per Club per la morte dell’ex fidanzata

Boateng contro Suarez
Fonte: Getty Images

E’ morta all’età di 25 anni Kasia Lenhardt, ex fidanzata di Boateng, difensore del Bayern Monaco. Le cause del decesso sono ancora da accertare

Una triste notizia sconvolge indirettamente il mondo del calcio: Kasia Lenhardt, l’ex fidanzata del difensore del Bayern Monaco, Jerome Boateng, è stata trovata morta nel suo appartamento di Berlino. Ancora da accertare le cause del decesso, secondo la Bild l’ipotesi più accreditata – ma ancora tutta da verificare – è quella del suicidio. I due si erano lasciati poche settimane fa, la loro relazione era durata poco più di un anno, sui social il difensore tedesco aveva comunicato la fine della loro relazione. Ora il triste epilogo. Per questo motivo, Boateng ha lasciato il Mondiale per Club e non giocherà la finale di giovedì contro i messicani del Tigres.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Boateng sotto choc: morta l’ex fidanzata

Aveva 25 anni Kasia, modella, il cui corpo è stato ritrovato senza vita nel suo appartamento a Berlino. Le autorità di polizia non si sono ancora espresse sulle cause del decesso, solo i risultati dell’autopsia potranno chiarire i motivi della morte. Una delle ipotesi, secondo il quotidiano tedesco Bild, è quella del suicidio, ma si attendono notizie certe anche per capire se esiste un collegamento tra la morte di Kasia e la fine della relazione con Boateng che era durata poco più di un anno.

LEGGI ANCHE >>> Sorpresa Napoli, Gattuso resta: “Rinnovo con la Champions”

Era stato lo stesso difensore, lo scorso 2 febbraio, a comunicare a mezzo social la fine della loro relazione, motivandola così: “Un uomo deve assumersi la responsabilità e agire nell’interesse della sua famiglia e lo sto facendo ora”. Boateng, intanto, appena ha appreso la notizia, ha deciso di lasciare il Mondiale per Club alla vigilia della finale contro i messicani del Tigres. Scelta che Flick ha ampiamente compreso. Boateng torna a casa e sarà out fino “a nuovo ordine”. Un’assenza pesante per il Bayern che dovrà rinunciare ad uno dei suoi centrali titolari.