“Quattro anni per la Serie A”: il presidente lancia il programma

Dal Pino, presidente Lega Serie A
Dal Pino, presidente Lega Serie A (Getty Images)

Il presidente della Lega Serie A, Paolo Dal Pino: “Quattro anni per rilanciare il campionato. Spiace per differenza di vedute tra club”

L’Ansa riporta le parole del presidente della Lega Serie A, Paolo Dal Pino, dopo il mancato assemblea di oggi per l’assenza del numero legale: “Abbiamo davanti quattro anni per rilanciare insieme la Serie A e riportarla a una posizione di leadership in Europa, come merita il nostro calcio. Sono certo che presto verranno superate le divisioni che hanno creato questa situazione”. Queste le parole di Dal Pino dopo un incontro con il presidente della Figc, Gabriele Gravina. “Spiace riscontrare una differenza di vedute tra i club in un momento così importante. Soprattutto dopo che per mesi siamo riusciti a collaborare con successo, creando le condizioni affinché l’asta dei diritti televisivi domestici raggiungesse un ottimo risultato”. Un’asta che, però, vede una frattura tra tutti i grandi club (Roma esclusa) che spingono per l’ipotesi Dazn, mentre gli altri che ancora sono per l’ingresso dei fondi ed attendono Sky.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Paolo Dal Pino, presidente Lega Serie A
Dal Pino, presidente Lega Serie A (Getty Images)

Il presidente della Serie A: “Nostro campionato ambito”

“Le offerte ottenute sono certamente frutto degli ultimi mesi trascorsi a lavorare tutti uniti nella stessa direzione, suscitando interesse intorno al nostro torneo e facendone emergere l’appetibilità”, ha spiegato Dal Pino.

LEGGI ANCHE >>> L’Uefa ha deciso: cancellata subito la competizione

“Con questo bando abbiamo dimostrato che la Serie A ha un grande valore, e prova ne è che il campionato continua ad attrarre importanti investitori esteri. Colgo l’occasione per dare il benvenuto al nuovo patron dello Spezia, Platek, al quale ho già detto personalmente quanto sia felice che abbia scelto, tra i maggiori campionati europei, proprio il nostro”