Zaniolo si racconta su Clubhouse: svelata la data del rientro

Zaniolo seduto in panchina
Zaniolo Roma (GettyImages)

Ultimamente la sua vita lontano dal campo ha fatto parlare di più del calcio giocato, ma Nicolò Zaniolo è pronto alla rivalsa e annuncia la data del rientro con la Roma.

Il nuovo modo di comunicare e farsi conoscere è già arrivato: si tratta della piattaforma ClubHouse, la quale sta letteralmente spopolando con le sue “stanze” per conversare dei temi più disparati. Anche Nicolò Zaniolo ha aderito alla moda del momento e nel corso di una diretta ha annunciato la data del rientro in campo: “Il recupero procedere nel migliore dei modi. Da circa tre giorni ho ripreso a lavorare in campo, e tra un mese dovrei tornare a giocare. Diciamo che ad aprile sarò a pieno regime”.

Quando il ginocchio fa crac di solito la degenza è sempre piuttosto lunga soprattutto nel caso di Zaniolo sottoposto a intervento chirurgico a entrambe le gambe. Ricordiamo, infatti, che l’operazione ultima al crociato del ginocchio sinistro è stata realizzata a settembre in Austria, quindi la tabella procede secondo i tempi stabiliti.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Zaniolo tra il ritorno in campo e l’attualità

Roma, per Zaniolo dopo la rottura dei legamenti arriva la positività al Covid
Roma, per Zaniolo dopo la rottura dei legamenti arriva la positività al Covid (Getty Images)

Su ClubHouse il giocatore della Roma ha parlato anche della situazione generale della Serie A e della speranza di disputare gli Europei con la maglia dell’Italia: “Giocheremo per vincerli. Il difensore più forte che ho affrontato? Skriniar, ma ci sono vari campioni coi quali vorrei giocare, il sogno è sicuramente Ibrahimovic. Nel frattempo l’obiettivo è quello di portare la Roma il più in alto possibile. Villar e Ibanez hanno grandissimo talento, ma anche è davvero Dzeko è forte forte”.

LEGGI ANCHE >>> Il Milan punta il difensore del futuro, ma c’è il rischio beffa

Sul derby capitolino perso 3-0 dalla Roma, infine, Zaniolo dichiara: “Se io ci fossi stato? Un calciatore non fa una squadra. Avrei potuto essere un’arma in più, questo sì. Abbiamo perso 3-0, non è che con me in campo vincevamo 5-3… Ma al derby di ritorno ci sarò sicuramente!”.