“Rivogliono subito Sarri”, il retroscena di Moggi che farà discutere

Moggi e Sarri
Moggi e Sarri

Luciano Moggi è sicuro che il Napoli ci proverà fino in fondo per riportare Maurizio Sarri alla guida della squadra, per la prossima stagione sportiva.

Il rapporto tra Aurelio De Laurentiis e Rino Gattuso sembra avere tutte le sembianze di una separazione in casa. Entrambi evidentemente sono delusi dal decorso del Napoli nell’ultima stagione e pare irrimediabilmente sfumata la possibilità di costituire insieme un progetto che duri nel tempo. Dal canto suo, anche la piazza è piuttosto colpita negativamente nell’umore da quanto si sta vedendo in campo negli ultimi mesi. I ricordi felici del tifo partenopeo risalgono all’epoca di Maurizio Sarri, e proprio il suo nome è la principale suggestione per la prossima stagione.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Luciano Moggi sul ritorno di Sarri al Napoli

Napoli Sarri Gattuso
De Laurentiis e Sarri (GettyImages)

Pare, infatti, che De Laurentiis ci stia facendo più di un pensiero, sebbene i rapporti con l’allenatore toscano non siano terminati nel migliore dei modi e la piazza non abbia digerito il trasferimento del tecnico alla guida della Juventus. A parlarne è stato Luciano Moggi, ex ad dei bianconeri e in passato direttore generale del Napoli.

LEGGI ANCHE >>> La dura decisione di Prandelli sul presente di Amrabat 

Ai microfoni di Libero si è lasciato andare con le sue impressioni: “La città partenopea sogna ancora il gioco champagne di Sarri e la dirigenza del club azzurro sta inseguendo Maurizio, probabilmente più per accontentare l’ambiente che per convinzione. Importa poco se Sarri e il Napoli si sia lasciato in modo non esattamente armonico. Sarebbe importante in questo momento che i dirigenti attuali riflettessero di più sulle caratteristiche dei giocatori a loro disposizione prima di scegliere un allenatore”.

Il riferimento è chiaramente alle scelte sul mercato da parte del ds Giuntoli e del suo staff, le quali pare non abbiano aiutato all’idea di Gattuso né a sopperire ai tanti infortuni, che in qualche modo in questo momento condizionano fortemente la situazione già compromessa.