Fallo di mano, cambia la regola: arriva la decisione

Orsato fallo di mano
Daniele Orsato, arbitro (Getty Images)

L’Ifab integra il regolamento sul fallo di mano: la regola è stata precisata per cancellare dubbie interpretazioni

L’International Football Association Board (Ifab) ha posto un importante chiarimento sulle norme sul fallo di mano. Questo è stato il principale tema dalla 135ª assemblea generale: ovviamente, visti i tempi in videoconferenza. Il tocco di mano accidentale che conduce ad un gol o ad un’opportunità non sarà più considerato un fallo. Ecco il testo riportato dall’Ifab: “Il tocco di mano accidentale che porta un compagno di squadra a segnare un gol o ad avere un’opportunità di segnare una rete non sarà più considerata un’infrazione”. Quindi, resta il fallo di mano se il pallone viene colpito volontariamente, muovendo la mano o il braccio verso la palla, se il tocco è accidentale il gol è valido. C’è un’eccezione importante: la regola che non si applica se il tocco è stato diretto, ovvero fatto dall’autore della rete.

Paolo Valeri arbitro
L’arbitro Paolo Valeri (GettyImages)

La scelta dell’Ifab sul fallo di mano: ecco come va interpretata

La statuizione dell’Ifab giunge dopo le polemiche generate dalla mancata coerenza applicativa: i falli di mano non sempre sono stati giudicati sempre allo stesso modo. I membri del Board hanno confermato che: “non ogni tocco della mano del braccio di un giocatore con la palla è un fallo”.

LEGGI ANCHE >>> Due infortunati, il tecnico spaventato prima della gara chiave

Anche gli arbitri dovranno valutare nel modo corretto quella che sarà la posizione delle mani e delle braccia nel momento in cui un pallone viene colpito con quelle parti del corpo. Le modifiche al regolamento entreranno in vigore da luglio, anche se l’Ifab fa sapere che le varie leghe hanno facoltà di introdurre prima queste modifiche.