Juve-Lazio, giocatori e dirigenti imbufaliti: Massa nel mirino

Juventus e Lazio in campo
Juve-Lazio (GettyImages)

Proteste furibonde durante Juventus-Lazio. Un tocco di mano di Hoedt ed il calcio di rigore chiesto a gran voce dai giocatori bianconeri. 

Una Juventus con qualche difficoltà, quella che sta giocando stasera all’Allianz Stadium contro la Lazio di Simone Inzaghi. Un primo tempo chiuso sul pari (raccolto al 40′ con Rabiot), con i bianconeri che hanno avuto non poche grane nel tenere il campo contro una Lazio guardinga ed attenta e sfruttare ogni occasione concessa dagli avversari.

A tenere banco, sui social soprattutto, è la formazione iniziale schierata da Andrea Pirlo contro i capitolini. Al netto di quella che è una situazione molto particolare per quanto riguarda gli infortuni, con diversi giocatori ancora out, le scelte dell’allenatore hanno trovato non poche critiche.

Ma la Lazio, come detto, ha tenuto botta e durante i primi 45′ minuti. C’è stato spazio anche per un episodio da moviola che ha scatenato proteste furibonde da parte del giocatori in campo, ma anche della dirigenza bianconera.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Juventus e Lazio in campo
Juventus-Lazio (GettyImages)

Juve-Lazio, bianconeri furiosi contro l’arbitro

Il tutto è avvenuto nel corso di un’azione veloce dei bianconeri. Palla in verticale verso Chiesa che, provando ad entrare nella difesa bianconera, si è lasciato prima braccare da dietro da Acerbi, per poi farsi chiudere da Hoedt.

Ma proprio in occasione della chiusura del difensore, un rimpallo è finito proprio sul braccio non propriamente attaccato al corpo, va detto, di Hoedt. E da qui sono esplose le proteste da parte dello stesso Chiesa, ed in generale di tutti i giocatori della Juventus che hanno chiesto a gran voce il calcio di rigore.

LEGGI ANCHE >>> Mondiali in Qatar nel 2022, gare sospese causa Covid-19: è ufficiale

Proteste anche dalla panchina, ma soprattutto dagli spalti, con la dirigenza a richiamare l’attenzione dell’arbitro Massa. Niente da fare, il direttore di gara non ha voluto saperne ed ha proseguito, con il silente Var che non ritenuto l’episodio un chiaro errore.

Le proteste sono proseguite per diversi minuti da parte di giocatori, staff tecnico e dirigenti. Un episodio del quale si parlerà anche in sede di moviola, e sul quale bisognerà chiarire in che modo è stato ritenuto il tocco di mano di Hoedt (che c’è stato) da parte di Massa.