Diritti TV, sette club di Serie A scrivono alla Lega: “Dovrete risarcirci”

pallone della Lega Serie A prima di Parma-Inter
Pallone della Lega Serie A (Getty Images)

La questione dei diritti Tv continua ad infiammare le stanze della Lega di Serie A. Sky o DAZN? Chi la spunterà?

Sono sette le società che hanno preso il toro per le corna e provato a dare una svolta alla situazione. Atalanta, Fiorentina, Inter, Juventus, Lazio, Napoli ed Hellas Verona hanno scritto una lettera indirizzata al presidente della Lega Serie A, Paolo Dal Pino, all’AD Luigi De Siervo e agli altri club. Il motivo? La voglia di ribadire la contrarietà all’operazione con i fondi a proposito dell’assegnazione dei diritti TV. E’ necessario, secondo le società scriventi, “procedere senza indugio all’assegnazione dei diritti audiovisivi per il territorio nazionale e per quello internazionale”.

dal pino lega serie a diritti tv
Paolo Dal Pino (Getty Images)

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Diritti TV, rischio risarcimenti

Il tutto, chiaramente, condito da una non proprio velata minaccia di “legittime pretese risarcitorie nei confronti di chi dovesse tenere condotte ostruzionistiche”. Nella lettera, i sette club firmatari hanno aggiunto che per il momento non verranno prese in considerazione nuove proposte da parte del Consorzio (CVC, ndr) o di altri soggetti. Di seguito uno stralcio della lettera: “Pertanto, condotte ostruzionistiche, dilatorie oltre che lesive degli interessi di coloro che le pongono in essere, espongono gli autori delle stesse a legittime pretese risarcitorie”.

LEGGI ANCHE >>> L’annuncio di Fonseca su Dzeko

Nel mirino dei club, inoltre, l’incontro tra l’AD della Lega Serie A ed il Consorzio al fine di “verificare se permanesse l’interesse del Consorzio a definire la ‘partnership strategica’. Di tale incontro non solo i Club non sono stati minimamente informati. L’Amministratore Delegato vi ha partecipato senza aver alcun mandato in tal senso da parte dell’Assemblea. È bene poi chiarire che, in ogni caso, né l’Assemblea della Lega né il ‘Comitato dei Cinque’ hanno mai definito, né all’unanimità né a maggioranza, tutti i termini dell’operazione. Come è noto, infatti, i punti e i termini ancora in discussione sono essenziali”.