Decisione su Lazio-Torino, l’ultima mossa di Lotito per avere i tre punti

Lotito con la maschereina
Claudio Lotito (Getty Images)

Oggi dovrebbe esserci la decisione del giudice sportivo su Lazio-Torino: Lotito vuole i tre punti a tavolino, le mosse del presidente biancoceleste

Dovrebbe arrivare oggi la decisione del giudice sportivo su Lazio-Torino, gara non disputata lo scorso 2 marzo. Mercoledì il club biancoceleste ha presentato la sua memoria difensiva pochi minuti prima della scadenza dei termini, in modo da impedire poi alla società granata di poter controbattere. Una memoria di 15 pagine che cerca di smontare il ricorso presentato da Cairo contro la sconfitta a tavolino.

Ricordiamo il caso: dopo diverse positività nel gruppo squadra, la Asl piemontese aveva stabilito l’isolamento dei calciatori granata, impossibilitati così a recarsi a Roma per disputare il match contro la squadra di Inzaghi. La Lega Serie A però aveva deciso di non rinviare la partita: così la Lazio, insieme agli arbitri, si è presentata all’Olimpico e ha atteso i canonici 45 minuti prima che il direttore di gara decretasse non disputato il match. Da qui è partita la battaglia legale con il Torino che ha fatto reclamo avverso alla sconfitta a tavolino invocando la causa di forza maggiore.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

calciatori della Lazio all'Olimpico
Calciatori della Lazio all’Olimpico (Getty Images)

Lazio-Torino, oggi la decisione del giudice sportivo

Un impedimento che secondo la memoria difensiva della Lazio – alcuni stralci sono pubblicati sul Corriere dello Sport- non sarebbe stato reale. Nelle pagine che la società biancoceleste ha presentato si mettono in dubbio le tempistiche dei sette giorni di quarantena domiciliare con divieto assoluto di allontanamento dal proprio domicilio disposti dall’Asl il 23 febbraio.

Due i punti messi in risalto dal club capitolino. Il primo fa riferimento al fatto che il 28 febbraio il Torino era tornato ad allenarsi, infrangendo l’ordinanza dell’ASL e chiedendo una proroga (concessa) il giorno successivo. Inoltre, secondo la Lazio è sbagliato considerare il 23 febbraio come giorno zero. Facendo i sette giorni dall’emissione del provvedimento, la quarantena sarebbe terminata il 1° marzo, consentendo così al Torino di recarsi a Roma.

LEGGI ANCHE >>> Lazio, il rinnovo di Inzaghi non arriva: bloccate le trattative

Queste le memorie della Lazio: oggi probabilmente arriverà la decisione del giudice sportivo Mastrandrea. Al momento l’ipotesi più accreditata è il rinvio della partita ma Lotito è pronto a dare battaglia. Vuole i tre punti a tavolino ed è pronto a ricorrere alla Corte Sportiva di Appello.