La Roma non ci sta: le proteste di Fonseca

Fonseca, Mancini ed Ibanez
Fonseca, Mancini e Ibanez (Getty Images)

Sconfitta a sorpresa della Roma che cade a Parma per 2-0. Tante proteste per i giallorossi per un rigore non fischiato ad inizio gara

Brutto pomeriggio al Tardini per la Roma che è stata sconfitta dal Parma 3-1. Uno stop che non ci voleva per la squadra di Fonseca che ora è al quinto posto e a due punti dal quarto posto occupato dall’Atalanta.

Dopo le polemiche dovute al rinvio di Juve-Napoli e alla conseguente lettera della società giallorossa alla Lega, a scatenare la rabbia dei tifosi capitolini è un presunto fallo di rigore non concesso dall’arbitro Piccinini.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

La Roma al Tardini
AS Roma (Getty Images)

Le proteste di Fonseca a fine partita

Il fallo contestato è avvenuto al 4′, il risultato era fermo sull’0-0,  dove Hernani contrasta Pellegrini al limite del fallo, ma l’arbitro non c’è nulla e la partita prosegue, considerando anche il silenzio del VAR.

LEGGI ANCHE >>> Disfatta della Roma al Tardini: impresa del Parma

Paulo Fonseca, a termine del match,  è corso in campo per un faccia a faccia molto serrato con il designatore di gara per recriminare un  calcio di rigore che poteva cambiare la storia della gara e, forse, la storia del campionato.