Roma, futuro Dzeko e Fonseca: la doppia ipotesi estiva

Edin Dzeko si dispera
Edin Dzeko (Getty Images)

Tiene banco il futuro di Dzeko in vista della prossima stagione. Difficilmente l’attaccante serbo resterà alla Roma in caso di conferma di Fonseca. Il piano giallorosso e le possibili mosse sul mercato

La cessione di Dzeko potrebbe entrare nel vivo già nel corso dei prossimi mesi in caso di nuova conferma di Fonseca. Difficile, se non impossibile, che l’attaccante giallorosso resti nella capitale in caso di conferma del tecnico portoghese. Il centravanti bosniaco potrebbe restare alla Roma solamente in caso d’addio di Fonseca e con l’arrivo di un nuovo tecnico. Restano vive le suggestioni Allegri e Sarri, ma non è escluso che la proprietà decida di proseguire con l’ex tecnico dello Shakhtar.

Dzeko, dal canto suo, valuterà il da farsi in vista dei prossimi mesi. L’attaccante piace a Inter e Juventus. Conte vorrebbe puntare su di lui per ricoprire il ruolo di vice Lukaku e consentire al centravanti belga di poter rifiatare in vista del triplo impegno della prossima stagione. Resta da sciogliere il nodo ingaggio: Dzeko attualmente guadagna circa 7,5 milioni di euro a stagione.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Edin Dzeko a contrasto
Edin Dzeko (Getty Images)

Roma, la cessione di Dzeko per finanziare Icardi: il piano del mercato giallorosso

Il possibile addio di Dzeko permetterebbe alla Roma di incassare circa 10 milioni di euro dal costo del suo cartellino e di risparmiare 7,5 milioni di euro d’ingaggio. L’addio di Dzeko potrebbe coincidere con l’affondo su Icardi. L’attaccante argentino sarebbe pronto a lasciare Parigi al termine della stagione. La Roma osserva interessata, ma attenzione anche al possibile pressing della Juventus.

LEGGI ANCHE >>> In Inghilterra torna il pubblico negli stadi: ecco quando accadrà

Icardi, dal canto suo, sarebbe pronto a riaprire a un ritorno in Serie A. La Roma potrebbe investire circa 60 milioni sull’argentino, ma la trattativa potrebbe decollare solamente sulla base del prestito oneroso con diritto di riscatto senza obbligo. Stesso discorso per la Juventus.