Via dall’Inter, c’è già la data per la prima cessione

Antonio Conte
Conte (Getty Images)

L’Inter pianifica il futuro ma deve fare i conti anche con il bilancio societario: emerge la data della prima cessione nerazzurra

Uno scudetto da blindare. L’Inter riparte con l’obiettivo di consolidare il primo posto in classifica e portare a casa quel tricolore che manca da oltre dieci anni. Il Milan è lontano sei punti ma con una gara da recuperare per i nerazzurri e Conte sente vicino il traguardo. Serve lo sprint finale per la squadra che sembra aver superato, grazie anche alla pausa per le Nazionali, il problema Covid. Si riparte dalla sfida al Bologna e si passa per gli impegni più duri sul cammino della squadra interista: Napoli tra due settimane, poi Roma e Juventus sul finire del campionato le insidie maggiori che separano l’Inter dal trionfo senza però prendere sotto gamba gli altri impegni. Mentre Conte lavora sul campo per la conquista dello Scudetto, la dirigenza deve fare di conti. E’ noto che Zhang sia alla ricerca di investitori ma questo potrebbe anche non bastare visto il rosso che si preannuncia di 130 milioni di euro.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Steven Zhang
Steven Zhang (Getty Images)

Inter, serve una cessione entro giugno

Proprio per questo, al di là di come andrà la ricerca di Suning, l’Inter potrebbe essere costretta a cedere un calciatore entro il 30 giugno. A parlarne è il ‘Corriere dello Sport’ che spiega come il bilancio societario abbia bisogno di una boccata d’aria che arriverebbe da una plusvalenza. L’operazione sarebbe da chiudere prima della fine di giugno, ma la missione di Marotta e Ausilio si preannuncia tutt’altro che semplice. La crisi economica dovuta al Covid ha toccato tutti i club ed allora chiudere operazioni di mercato, più o meno onerose, è difficile.

LEGGI ANCHE >>> Per l’Inter il futuro di Haaland rappresenta una ‘minaccia’

I dirigenti nerazzurri dovranno però riuscirci e magari farlo senza andare a toccare i big della rosa di Conte: da Lukaku a Lautaro, passando per Barella, i top nerazzurri dovrebbero restare. Sempre che non arrivi l’offerta che cambi lo scenario.