Dal vassoio di cocaina alla guerra con le figlie: l’avvocato di Maradona svela tutto

morla maradona
Matias Morla, l'avvocato di Maradona, a 'Tv Nostra'

Dure dichiarazioni di Morla intervenuto in tv: l’avvocato di Maradona ha riservato frasi pesanti nei confronti di Dalma, Gianinna e Claudia

Fanno discutere in Argentina le dichiarazioni di Matias Morla, avvocato di Diego Armando Maradona, che ha riservato parole molto dure nei confronti delle figlie dell’ex Pibe de Oro Dalma e Gianinna e dell’ex moglie Claudia Villafañe. In un’intervista concessa a “Tv Nostra”, ha parlato degli ultimi mesi di vita di Maradona e ha svelato alcuni retroscena che stanno facendo molto discutere.

“Sono il cattivo per una parte degli ereditieri di Diego Armando Maradona ma non per la Giustizia e per gran parte della gente. Quello che è successo però è molto triste perché ero un suo grande amico e nutrivo grande affetto nei suoi confronti. Con lui è morta una parte di me”, ha detto Matias Morla, visibilmente commosso durante il suo passaggio in tv in cui ha riservato alcune accuse pesanti: “Non mi hanno lasciato salutare Diego e non me lo perdonerò mai”, ha detto prima di offrire alcuni contenuti molto forti.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Maradona Morla Dalma Gianinna Claudia
Gigantografia Maradona (GettyImages)

Maradona, parla l’avvocato Morla: “Le figlie Dalma e Gianinna mi danno la colpa dei loro problemi con il padre”

Uno dei primi problemi di Diego Armando Maradona per Matias Morla è stata stata la separazione da “Rocio Oliva”. L’avvocato ha tuonato contro Dalma e Gianinna: “Perché Diego ha revocato il testamento contro le figlie? Perché non andò al matrimonio? E perché era indignato con la figlia Dalma che ha chiamato sua figlia Roma? Roma è il contrario di Napoli, Diego è Napoli. Dei loro problemi ora vogliono dare la colpa a me. Diego aveva litigato fortemente con Dalma e Gianinna perché avevano fatto dei prelievi dai suoi conti. Con lui ho trascorso sette Natali e sette Capodanni e lui si lamentava sempre che non lo chiamava nessuno. A me Diego non mi diede mai del ladro, a Claudia sì. Diego bloccò la carta di credito alle figlie”.

Morla ha anche parlato dei problemi di Maradona con la cocaina: “Siamo stati in Colombia per un evento legato ad alcune penne e Diego vedendo passare un vassoio di cocaina mi disse ‘andiamo’. Salì in macchina e mi chiese quanti soldi avevamo perso per andarcene, una cifra importante. Mi rispose: ‘Ci ho guadagnato, invece. Con quella roba ho perso già troppo”.

LEGGI ANCHE >>> “Non rinnova per la Juventus”: in Spagna ‘accusano’ i bianconeri

Infine, ha aggiunto: “Tutto quello che è successo è molto triste. Con il passare del tempo, le voci sull’omicidio si stanno rivelando senza credito. Maradona è morto a causa della sua separazione con Rocio Oliva, della quarantena e del quadro clinico. La sua bara è stata portata in giro come un trofeo”.