Vogliono Juventus, Inter e Milan fuori dalla Serie A

Agnelli
Agnelli (Getty Images)

La creazione della Super Lega ha generato un terremoto senza precedenti: in Serie A avanzata la richiesta di esclusione per Juventus, Inter e Milan

Un terremoto senza precedenti. Il calcio cambia all’improvviso e immaginarsi un ritorno alle origini appare ad oggi utopia. Ieri sera l’ufficialità della creazione della Superlega, un progetto a cui hanno aderito 12 tra i principali club europei e che punta alla creazione di un torneo a cui parteciperebbero 20 club, di cui 15 invitati e 5 che arriverebbero dai vari tornei nazionali. Una decisione che ha volto tutti di sorpresa, anche se le voci si rincorrevano da tempo, e che porterà ad inevitabili ripercussioni anche sulla Serie A.

La stessa che insieme alla Uefa, alla Liga e alle altre principali leghe europee ha diramato un durissimo comunicato, minacciando l’esclusione dai campionati delle squadre partecipanti alla Superlega. Per approvare i contenuti del comunicato, ieri c’è stato un consiglio convocato di urgenza, durante il quale sarebbe emersa la possibile richiesta di tre club del massimo campionato: escludere le società che parteciperanno al nuovo torneo.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Steven Zhang
Steven Zhang (Getty Images)

SuperLega, tre club chiedono l’esclusione di Juventus, Inter e Milan dalla A

Come si legge sull’edizione di questa mattina di ‘Repubblica’, tre club avrebbero avanzato l’ipotesi di estromissione dalla Serie A di Juventus, Inter e Milan, i tre club italiani tra i fondatori della Super Lega.

LEGGI ANCHE >>> Superlega: ecco i tre club fondatori nascosti, la Fifa chiede il dialogo

Una richiesta che anticipa una vera e propria guerra nel mondo del calcio che sarà combattuta a tutti i livelli. Nella Lega la situazione era già confluttuale, ma ora la Superlega ha cambiato tutto ed ora la richiesta sarebbe quella di vedere fuori dalla Serie A i tre club più blasonati. Un’eventualità che, ovviamente, avrebbe grandi ripercussioni anche sull’economia del massimo campionato.