Milan, ora il calendario fa paura: Champions a forte rischio

Il Milan esulta
Parma-Milan (GettyImages)

Dopo una prima parte di stagione da assoluto protagonista, il Milan continua ad attraversare un periodo piuttosto complicato. Occhio al finale di stagione: calendario complicato e Champions League a forte rischio

Sogno scudetto e prima parte di stagione brillante: ora il Milan potrebbe tremare di fronte a un finale di stagione complicato con un calendario piuttosto difficile. Sfida immediato contro la Lazio (33^ giornata) poi spazio alle sfide contro Benevento, Juventus, Torino, Cagliari e Atalanta. I rossoneri incroceranno squadre in lotta per salvezza e si ritroveranno di fronte un triplo scontro diretto per la zona Champions League.

Si partirà lunedì prossimo con la sfida dell’Olimpico contro la Lazio, sfida che potrebbe spingere i biancocelesti nuovamente vicino alla zona Champions in caso di vittoria. Rossoneri impegnati anche nei complicati intrecci salvezza contro Cagliari, Benevento e Torino. Poi spazio al dentro o fuori contro Juventus e Atalanta.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Il Milan esulta
Parma-Milan (GettyImages)

Milan, il calendario fa paura: dallo scudetto al rischio Champions League

Dal possibile sogno scudetto alla possibile e clamorosa esclusione dalla Champions League, il Milan dovrà cercare di gettare il cuore oltre l’ostacolo in questo finale di stagione. 6 gare al termine del campionato e qualificazione in Champions League ancora a portata di mano. Spaventa leggermente il precario stato di forma dei rossoneri e i continui infortuni. Le sfide contro Juventus e Atalanta potrebbe rivelarsi quelle decisive anche dal punto del computo degli scontri diretti.

LEGGI ANCHE >>> Marotta torna alla Juventus: la clamorosa suggestione

Rush finale entusiasmante e pronto a entrare subito nel vivo. I rossoneri dovranno cercare di placare l’entusiasmo della Lazio, per poi proiettarsi in vista della sfida contro il Benevento dell’ex Pippo Inzaghi. Un calendario complicato e pieno di spine, ma con il Milan pronto al definitivo salto di qualità per ritornare ad ascoltare l’inno della Champions League in vista della prossima stagione.