Il Napoli non perde di vista la Champions, crolla la Lazio

Dries Mertens esulta
Dries Mertens (GettyImages)

Una vittoria fondamentale per il Napoli nella corsa Champions, allo Stadio Diego Maradona crolla la Lazio di Immobile.

Il Napoli non per niente perso di vista l’obiettivo, ovvero quella Champions League che è diventata obiettivo primario per la squadra di Rino Gattuso. Una meta che gli azzurri hanno nel mirino e non hanno alcuna intenzione di mollare, e la dimostrazione è arrivata stasera. Una partita dove gli azzurri hanno espresso nel miglior modo possibile quelle che sono le intenzioni per il futuro, ma allo stesso tempo un’idea di gioco (quella del tecnico calabrese) finalmente ritrovata.

Tre punti essenziali, di quelli che ti consentono anche di sognare in grande, magari andare anche oltre quel quarto posto che già basterebbe agli azzurri per accedere alla prossima Champions League. Di fatto, il Napoli al momento è a soli tre punti dal Milan secondo in classifica. La sconfitta patita ieri dai rossoneri per mano del Sassuolo ha dato di fatto l’assist ai partenopei per riproporsi in maniera considerevole anche per il ruolo di vice campione d’Italia, dietro un’Inter che ormai sembra imprendibile.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Napoli-Lazio
Napoli-Lazio (GettyImages)

Il Napoli incontenibile firma il poker

Una vittoria nata, va detto, tra le polemiche con il rigore assegnato agli azzurri dopo il fallo di Milinkovic-Savic su Manolas. Intervento giudicato pericoloso, e che ha convinto l’arbitro a concedere il penalty, poi messo dentro dal capitano Insigne. 

Poi il Napoli ha trovato modo di schiacciare gli avversari, e ad approfittare di una Lazio poco brillante ci ha pensato Politano, autore di una rete che ha visto anche un colpevole Reina sul suo palo.

LEGGI ANCHE >>> Napoli-Lazio, caos per il rigore: cosa dice il regolamento

Nella ripresa, poi, ci si aspettava di sicuro una Lazio diversa. Più solida ma soprattutto pronta a sfruttare gli spazi concessi dagli avversari che, ad onore della verità, sono stati davvero pochi. E cosi a firmare la rete del 3-0 ci ha pensato un super gol ancora del capitano Insigne.

A mettere una firma che sembrava definitiva, ci ha pensato l’euro gol di Mertens su assist del solito Zielinski, abile a costruire l’azione per il belga. Poi una Lazio arrembante, soprattutto nel finale, ha provato a schiacciare gli azzurri e rimetterla in piedi.

La Lazio prova a rimetterla in piedi, Osimhen chiude

Prima Ciro Immobile con un gran gol sul palo lontano, imbeccato al meglio in profondità dall’assist di Pereira. Poi la punizione al bacio di Milinkovic-Savic, con Meret entrato di peso nella sua stessa porta.

Decisiva, dunque, la rete di Osimhen per chiudere i giochi. Un infilata letale nella difesa biancoceleste, ed ancora un Reina non impeccabile ad opporsi in malo modo contro il nigeriano.