Le due clausole inaspettate presenti nel contratto di Ibrahimovic

Ibrahimovic seduto
Ibrahimovic (Getty Images)

Ibrahimovic ha firmato il rinnovo con il Milan: nel contratto spuntano due clausole che salvaguardano la società

Il Milan e Ibrahimovic ancora insieme. Ieri sera la firma sul rinnovo di contratto e l’annuncio ufficiale. L’attaccante svedese giocherà con la squadra rossonera ancora una stagione e prolungherà la sua carriera almeno fino al 2022. L’accordo era stato trovato da tempo: per il calciatore, assistito da Mino Raiola, confermato lo stipendio da sette milioni di euro a stagione.

L’intesa economica non è stata difficile da trovare, anzi le parti hanno lavorato in sintonia anche per l’introduzione di due clausole che salvaguardano il club. A parlarne è la ‘Gazzetta dello Sport’ di oggi che svela quali sono i patti contenuti nel contratto firmato da Ibrahimovic.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Ibrahimovic
Ibrahimovic (Getty Images)

Milan, per Ibrahimovic anche una clausola sulle presenze

Due clausole diverse che riguarderebbero le presenze in campo e anche il rischio squalifica. La prima è stata inserita dopo i diversi stop di Ibra in questa stagione. Ventuno le gare disputate dallo svedese quest’anno sulle quarantasette partite disputate dal Milan. Anche per questo, pur consapevole la società dell’importanza del calciatore, è stata indicata una cifra minima di presenze.

LEGGI ANCHE >>> Milan, gli indizi che avvicinano l’obiettivo di mercato di Maldini

L’altro accordo riguarderebbe l’eventuale squalifica di Ibrahimovic per la vicenda del possesso di una quota di minoranza in una società che opera nel settore delle scommesse. I pareri legali chiesti da entrambe le parti avrebbero tranquillizzato con il calciatore -si legge sempre sulla ‘Gazzetta’ – che potrebbe incappare al massimo in una multa. Ad ogni modo, la Rosea scrive che nel contratto è stata inserita una clausola che solleva il Milan da qualsiasi onere. Due intese che non hanno creato alcun problema nella definizione della trattativa e così ieri è arrivato l’atteso annuncio.