Serie A, la cronaca di Inter-Verona 1-0

I calciatori dell'Inter esultano
Inter-Cagliari (Getty Images)

Alle 15 scendono in campo ben due match di questa domenica di Serie A, allo stadio Meazza si affrontato l’Inter di Conte ed il Verona di Juric.

Difficile pensare che per l’Inter si possa parlare, ad oggi, di una vera e propria crisi. Vero è che gli ultimi due pareggi ai quali la squadra di Conte è andata incontro, non rappresentano un vero e proprio campanello d’allarme ma piuttosto il segnale che bisogna continuare a tenere alta l’attenzione. Il Milan è lontano, e non sembra nemmeno essere in grado di poter recuperare i nerazzurri qualora questi andassero incontro ad un effettivo periodo negativo di risultati. Ma il calcio è davvero strano, Antonio Conte lo sa molto bene, e proprio per questo ha bisogno di ritrovare punti sul campo anche per ridare a tutto l’ambiente (ma soprattutto alla avversarie) la sensazione di essere in presenza di una corazzata assolutamente imbattibile, almeno sulla carta.

Motivo per cui, anche contro un avversario tosto ma ipoteticamente inferiore come il Verona, l’Inter dovrà tirare fuori tutte le energie fisiche e mentali per portare a casa una vittoria che ad oggi risulta fondamentale soprattutto dal punto di vista psicologico. Dal canto suo, la squadra di Ivan Juric ha tante carte da giocare e per poter mettere in difficoltà gli avversari. Vero è che la salvezza orma ipotecata potrebbe rappresentare un freno sotto il punto di vista delle motivazioni. Ma è altrettanto vero che contro una squadra come l’Inter, sembra difficile non trovare dentro di sé proprio quelle motivazioni necessarie quanto meno a mettere in campo tutte le energie necessarie a disputare una partita più che dignitosa.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Inter-Verona, le probabili formazioni

INTER (3-5-2): Handanovic; Skriniar, De Vrij, Bastoni; Hakimi, Barella, Brozovic, Eriksen, Perisic; Lukaku, Lautaro Martinez.

LEGGI ANCHE >>> I motivi che spingerebbero Conte a lasciare l’Inter

VERONA (3-4-2-1): Silvestri; Dawidowicz, Ceccherini, Dimarco; Faraoni, Tameze, Ilic, Lazovic; Barak, Zaccagni; Lasagna.