Conte può prendere il posto di Mourinho un’altra volta

Antonio Conte con le mani in tasca
Conte (Getty Images)

Mourinho alla Roma ma la sfida con Antonio Conte potrebbe anche non esserci: offerta per il tecnico dell’Inter

Josè Mourinho in Italia: la Roma piazza il colpo a sorpresa e riporta in Serie A il portoghese. Un ritorno atteso undici anni con lo ‘Special One’ che era stato esonerato da poco dal Tottenham. Ora c’è il giallorosso nel proprio futuro e anche il ritorno di una rivalità che in Premier League ha generato scintille: quella con Antonio Conte. Tra Mou e il tecnico salentino sono volate anche parole grosse nei due anni al Chelsea dell’allenatore dell’Inter.

C’è però un dubbio sul fatto che Conte e Mourinho possano realmente sfidarsi il prossimo anno. Il dubbio riguarda la permanenza dell’ex commissario tecnico sulla panchina dell’Inter. Ora che lo scudetto è vinto, allenatore e club dovranno incontrarsi e fare chiarezza sui programmi, quindi si capirà se si potrà continuare insieme oppure arriverà l’addio. Intanto Conte ha già avuto qualche contatto con un altro club, dando la sua disponibilità ma chiarendo che la priorità è per i nerazzurri.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Conte con la mascherina
Conte (Getty Images)

Inter, il Tottenham chiama Conte: priorità ai nerazzurri

Come si legge sul ‘Corriere dello Sport’, il Tottenham avrebbe sondato la disponibilità di Conte per la prossima stagione. Un approccio deciso, pur senza arrivare ad una vera e propria offerta. Nel corso dei contatti con gli Spurs si sarebbe parlato anche della qualità della rosa e degli interventi in sede di campagna acquisti. Ma senza intavolare una vera trattativa anche perché il tecnico ha messo subito in chiaro una cosa: l’Inter ha la priorità.

LEGGI ANCHE >>> Inter, Vidal ha comunicato le sue intenzioni per il futuro

Soltanto nel caso in cui con i nerazzurri arrivasse un divorzio (al momento l’ipotesi non è molto probabile) allora la pista potrebbe riscaldarsi. Andando al Tottenham, Conte replicherebbe quanto fatto all’epoca del suo approdo al Chelsea: raccogliere l’eredità di Josè Mourinho. Una sfida affascinante ma forse ora il richiamo maggiore per Conte è sfidare e battere il portoghese in Serie A.