Lazio, Lotito può monetizzare dalla mancata qualificazione in Champions

Claudio Lotito e Virginia Raggi in un'uscita istituzionale
Claudio Lotito e Virginia Raggi (Getty Images)

La Lazio all-in nel finale di stagione: la qualificazione in Champions blinderebbe i big altrimenti Luis Alberto e Milinkovic sono a rischio

La Lazio attende di capire la posizione occupata al termine del campionato per tornare a fare i conti e comprendere quale strada imboccare per il futuro. Spiega il “Corriere dello Sport” che la differenza tra gli ultimi due esercizi è di circa 35 milioni. Con l’Europa League infatti nella stagione 2019-2020, i biancocelesti hanno incassato 14.5 milioni di euro mentre il ritorno in Champions di questa annata ha prodotto 52 milioni di ricavi dall’Uefa. Una cifra considerevole che farà la differenza nella prossima programmazione. Per questo motivo, la data segnata in rosso nel calendario di Claudio Lotito è quella del 23 maggio, quando dopo il match con il Sassuolo, i biancocelesti conosceranno quale porta Uefa imboccheranno.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Immobile, Luis Alberto e Correa esultano dopo un gol al Genoa
Ciro Immobile, Luis Alberto e Joaquin Correa (Getty Images)

Lazio, la qualificazione alla Champions League tiene in bilico i big: da Luis Alberto a Milinkovic Savic

Nelle ultime stagioni, la Lazio ha preferito blindare i suoi gioielli. Lotito non ha lasciato partire Milinkovic Savic ma neppure Luis Alberto, Ciro Immobile e Joaquin Correa. La gestione dei biancocelesti, come spiega anche il “Corriere dello Sport” è sempre stata oculata e si è finanziata attraverso i ricavi provenienti in particolar modo dai ricavi tv e dai risultati sportivi. Con questo tipo di gestione pertanto la partecipazione o meno alla Champions League influirà tanto, specie perché il monte ingaggi è lievitato nell’ultima stagione, superando per la prima volta i 100 milioni di euro. Non potendo fare affidamento sugli importanti ricavi della principale competizione europea per club, Lotito sarebbe costretto a dover rifare i conti e di conseguenza ad essere colpito sarà anche Simone Inzaghi (al momento il suo contratto è in scadenza ma l’intenzione sembra essere quella di un rinnovo fino al 2024). Alcuni elementi sono già vicini a salutare, come Luiz Felipe, Marusic e Strakosha ma se non dovessero bastare i soldi che faranno entrare nelle casse queste tre cessioni, è chiaro che potrebbe entrare in gioco la cessione di uno dei big biancocelesti, che si ritroverebbero tra l’altro a non poter sfruttare la vetrina della Champions League per mettersi in mostra.

LEGGI ANCHE >>> Roma, Mourinho ha le idee chiare: ecco come sarà la sua squadra

La Lazio in questo momento ha cinque lunghezze di ritardo dal quinto posto ma anche una partita in meno rispetto alle altre concorrenti. I biancocelesti sono sesti ma se dovessero battere nel recupero il Torino potrebbero appaiare il Napoli. In più, in questo weekend, saranno favoriti dallo scontro diretto tra Juventus e Milan che costringere almeno una delle due a rallentare il proprio andamento. A patto però che la squadra di Inzaghi riesca ad imporsi contro la Fiorentina.