Il primo addio dell’Inter si è già consumato: lo aveva chiesto Conte

Conte dà istruzioni ai suoi calciatori
Conte (Getty Images)

Inizia a muoversi qualcosa attorno al mercato dell’Inter: un acquisto sponsorizzato da Conte non vestirà più il nerazzurro

Undici presenze, diversi infortuni, un’intuizione flop per colpe da non attribuire solo al calciatore. Aleksandar Kolarov sperava di vivere una stagione differente, invece è diventato ben presto una comparsa, un giocatore della rosa ma non del campo. Spesso titolare, all’inizio dell’anno, ha pagato l’età e i problemi fisici, così è rimasto ai margini per tutta la seconda parte di stagione. Anche lui ha cucito sul petto lo scudetto, magra consolazione, ma a fine stagione sarà addio.

L’edizione odierna del ‘Corriere dello Sport’ fa sapere che il serbo non indosserà più la maglia dell’Inter. Il suo contratto non sarà rinnovato. Non solo: stamattina l’ex terzino della Roma si è sottoposto, presso l’Istituto Clinico Humanitas di Rozzano, ad intervento chirurgico di asportazione ernia discale lombare. L’intervento, eseguito dal Professor Maurizio Fornari, è perfettamente riuscito. Ma a giugno, alla scadenza del contratto, il difensore sarà libero di trovare un’altra squadra.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Kolarov controlla il pallone
Kolarov (Getty Images)

Conte saluta Kolarov

Era stato Conte, in estate, a chiedere il suo ingaggio. Serviva un giocatore d’esperienza che potesse completare la difesa. Kolarov, terzino sinistro, specialista delle punizioni, ha giocato quasi sempre da terzo di difesa, ma non aveva più né il passo né il fisico per reggere a lungo. Diversi errori, come nel derby d’andata, e pochi sussulti. Un investimento a breve termine sbagliato.

LEGGI ANCHE >>> “Non posso prometterlo”: ora Lautaro Martinez fa tremare l’Inter

Un anno di contratto e un futuro ormai già scritto. Kolarov non rinnova e andrà via. Il 9 febbraio con la Juve in Coppa Italia la sua ultima apparizione con la maglia dell’Inter. Sperava di dare un contributo diverso ai nerazzurri, invece andrà via da meteora. Ma con lo scudetto cucito in petto.