I 31 milioni che possono convincere Conte a restare all’Inter

Antonio Conte
Antonio Conte (Getty Images)

L’Inter ragiona sul futuro e valuta le cessioni da fare: sono ben 9 i calciatori che lasceranno i nerazzurri a fine campionato

L’Udinese poi l’addio. Cala il sipario sulla stagione che ha riportato lo scudetto sulle maglie per l’Inter e per molti sarà il momento dell’addio. Il club nerazzurro è pronto a compiere una vera e propria rivoluzione all’insegna del taglio dei costi. Gli stipendi pesanti, soprattutto se non legati ad un ruolo centrale in squadra, dovranno subire una potente sforbiciata. Tutti via o quasi gli esuberi dell’Inter partendo da due calciatori fortemente voluti da Conte: Vidal e Kolarov.

Il cileno ha reso molto al di sotto delle aspettative, il lampo con la Juventus può essere definito l’unico in questo campionato. Il suo ingaggio da 6,5 milioni induce la società a cederlo, magari anche gratis visto che a zero è stato acquistato dal Barcellona. Via anche il serbo che è stato tra i flop della scorsa campagna acquisti: il suo contratto da 2,5 milioni non sarà rinnovato. Come, salvo sorprese, non saranno rinnovati i contratti di Ranocchia e D’Ambrosio, due senatori del club che porteranno ad un risparmio di oltre quattro milioni.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Vidal
Vidal (Getty Images)

Inter, nove cessioni: operazione risparmio

Ma le cessioni Inter non si limiteranno a loro. Sono nove i calciatori che potrebbero andare via a fine campionato, al netto di eventuali addii pesanti. Ed allora i 7 milioni di ingaggio di Sanchez inducono ad una riflessione, mentre per Vecino e Perisic (7,5 milioni in due) si attenderà qualche offerta.

LEGGI ANCHE >>> Il nuovo acquisto che l’Inter spera di cedere subito

Non servirà per separare l’Inter da Padelli (vicino all’Udinese) e da Young (niente rinnovo e addio): per un risparmio di altri 3,5 milioni di euro. Un totale di 31 milioni che potrebbero consentire alla società di provare a tenere tutti i big, partendo dal vero uomo scudetto: Antonio Conte.