La cessione da novanta milioni che separa Conte dall’Inter

Conte applaude
Antonio Conte (Getty Images)

Si va verso la separazione tra Conte e l’Inter: la cessione da novanta milioni ha convinto il tecnico ad andare via

Conte-Inter: è divorzio. Il tecnico salentino avrebbe preso la decisione di lasciare il club nerazzurro dopo aver capito che Suning non si muoverà dal piano tagli. Il programma presentato sabato dalla dirigenza all’allenatore, dopo aver parlato con il presidente Zhang, ha portato alla rottura. Conte vuole continuare a vincere, sa che alcuni sacrifici sono necessari, ma non vuole rompere un gruppo che si è unito e ha riportato lo scudetto a Milano.

Al contrario dalla società l’ordine è stato chiaro: cedere anche qualche big e ridurre il monte ingaggio del 15-20%. Così nei prossimi giorni, salvo dietrofront improvvisi, arriverà la separazione ufficiale e partirà un nuovo corso. Un corso che avrà caposaldo una cifra: 90 milioni di euro. Questa è la plusvalenza che la società deve realizzare entro il 30 giugno e per arrivarci non esistono incedibili.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Lautaro Martinez
Lautaro Martinez (Getty Images)

Inter, Lautaro Martinez e i big: serve plusvalenza da 90 milioni

Non lo è Lautaro Martinez, uno di quelli che ha più mercato: il Real Madrid sarebbe pronto a mettere sul piatto novanta milioni di euro, senza dimenticare la concorrenza dell’Atletico Madrid e l’ipotesi Manchester City. Proprio la squadra di Guardiola pensa a Bastoni, un difensore che piace molto al manager spagnolo.

LEGGI ANCHE >>> Inter, uno dei nerazzurri già pensa all’addio post Scudetto

Senza dimenticare Lukaku che piace allo stesso City ma che in Premier League ha più di una pretendente. E davanti ad un’offerta da 120 milioni di euro resistere sarebbe difficile. L’Inter fa i conti, quindi, e quei 90 milioni di plusvalenze da registrare da qui al 30 giugno non sono andate già a Conte. Da qui la probabile separazione e l’eventuale nuovo allenatore partirà proprio da qui: dalle cessioni e dalla speranza di non veder smantellato il gruppo che ha portato allo scudetto.