Juventus, il nuovo ruolo di Kulusevski con Allegri

kulusevski in azione
Kulusevski (Getty Images)

Con il ritorno di Massimiliano Allegri la Juventus potrebbe far ritorno al 4-3-3, spazio a due interni di centrocampo e gioco sviluppato sugli esterni. Ecco come potrebbero cambiare i ruolo di Chiesa e Kulusevski

Il ritorno di Allegri sulla panchina della Juventus cambierà l’assetto tattico dei bianconeri abbandonando definitivamente il 4-4-2 in linea di Andrea Pirlo. De Ligt e Chiellini formeranno la coppia centrale di difesa, ma attenzione anche alla concorrenza di Bonucci qualora il centrale bianconero dovesse essere confermato. Poche novità a centrocampo: dal mercato potrebbe arrivare il nuovo regista, mentre Bentancur sarà dirottato nel ruolo di mezz’ala.

Il sogno nel cassetto sarà quello di riportare a Torino Paul Pogba, ma il Manchester United valutato il centrocampista oltre gli 80 milioni di euro. La Juventus potrebbe inserire nella trattativa Cristiano Ronaldo, aspetto che potrebbe aprire le porte al clamoroso affare. Allegri punterà con forte decisione su Dybala e Morata, mentre sugli esterni ci sarà spazio per Kulusevski e Chiesa. 

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Dejan Kulusevski in campo
Dejan Kulusevski (Getty Images)

Allegri cambia ruolo a Kulusevski: caccia a un nuovo centravanti

Difficilmente Kulusevski, con la nuova gestione Allegri, agirà in posizione di seconda punta. L’esterno svedese farà ritorno in pianta stabile sull’esterno, con l’unico compito di attaccare la fascia e puntare costantemente l’avversario. L’ex Parma sarà sgravato da compiti difensivi. Chiesa, invece, potrebbe agire sia in posizione di esterno destro, (alternandosi proprio con Kulusevski) sia in posizione di esterno sinistro. In attacco confermati Morata e Dybala, ma si tenterà l’affondo su un nuovo centravanti.

LEGGI ANCHE >>> Milan, Vlahovic non ha più dubbi: “Non vedo l’ora”

Allegri proverà a spingere il piede sull’acceleratore con la società per avere a disposizione un nuovo centravanti di peso e fisicità. Un profilo differenti rispetti agli attaccanti già presenti in rosa. Scamacca resta in cima alle preferenze della società bianconera, ma attenzione all’esperienza e carisma di Dzeko.