Perché la Roma può acquistare Belotti anche domani

Andrea Belotti riceve palla
Andrea Belotti (Getty Images)

La Roma di Mourinho è alla ricerca di un nuovo attaccante e sta accelerando col Torino per definire l’acquisto di Andrea Belotti

Un obiettivo concreto: Andrea Belotti. La Roma, tra le sue priorità per la prossima stagione, ha quella di acquistare un nuovo centravanti che possa essere alternativo ma anche complementare a Dzeko, il cui destino è ancora incerto. Il primo nome è quello che conduce al centravanti del Torino, anni 28, prossimo a vivere da protagonista l’esperienza Europei. Ci sono diversi motivi per credere che l’affare possa andare in porto.

Certo, la condizione necessaria è l’accordo tra i due club. Ma c’è una grande differenza rispetto al passato: Belotti ha il contratto in scadenza nel 2022 ed è artefice del proprio futuro. Se decidesse di non rinnovare, costringerebbe il Torino a cederlo senza poter pretendere la luna (come accaduto le scorse estati). Belotti, capitano del Torino, ci sta riflettendo. Vorrebbe vivere nuove esperienze e giocare l’Europa. La Roma, con Mourinho allenatore, sarebbe una grossa opportunità.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Nicola abbraccia Belotti
Nicola e Belotti (Getty Images)

La Roma su Belotti

Da una parte l’ambizione personale, dall’altra il romanticismo legato ai colori granata. Belotti è una bandiera del Torino e sarà difficile, nel caso, dirsi addio. Valutazioni in corso. La Roma, intanto, è partita da una prima offerta di circa 30 milioni di euro. Cairo ne pretende molti di più ma sa di non potersi spingere troppo oltre. Decisiva sarà la volontà di Belotti: sarà lui a indirizzare le trattative.

LEGGI ANCHE >>> La decisione improvvisa di Kane che accende il mercato

La concorrenza non manca: il Gallo fa gola a tutti i club che cercano un attaccante di spessore. Anche il Napoli ci sta pensando, De Laurentiis potrebbe proporre Petagna come contropartita. Ma Belotti sarebbe felice di trasferirsi a Roma. Dove c’è Dzeko che da anni è in partenza. Potrebbe essere lui l’erede giusto del bosniaco.