“Ho rivissuto l’incubo”: la toccante rivelazione di Verratti nel post partita

Verratti e Bale in Italia-Galles
Bale e Verratti, Italia-Galles (Getty Images)

Marco Verratti, centrocampista della Nazionale, è intervenuto ai microfoni di SKY dopo la vittoria dell’Italia contro il Galles a EURO2020.

Tra i giocatori che hanno fatto la differenza nella gara tra Italia e Galles, l’ultima del Girone A di EURO 2020, c’è stato indubbiamente Marco Verratti. Il calciatore del PSG è stato considerato dalla maggior parte il migliore in campo ed è una doppia soddisfazione. Non si tratta soltanto della conferma del suo talento, ma anche della miglior notizia possibile. Verratti, infatti, ha rischiato il forfait a causa di un problema muscolare, che avrebbe potuto mettere fine alla sua partecipazione al torneo continentale.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Italia, le parole di Verratti dopo la sfida contro il Galles

Jorginho, Verratti e Bernardeschi in Italia-Galles
Verratti, Jorginho e Bernardeschi (Getty Images)

Ai microfoni di ‘SKY Sport’, Verratti è intervenuto così dopo la gara: “Durante i primi cinque giorni di stop, ho temuto di non farcela. É stata dura e mi sento fortunato. Sapevo di non avere nulla da perdere, per cui ho lavorato sodo tutto il giorno. Ringrazio il PSG, perché le loro cure mi hanno permesso di raggiungere gli Europei. E ringrazio anche mister Mancini, che mi ha aspettato. Ho rivissuto gli incubi del 2016, già saltare un Europeo è dura. Sono felice di essere tornato”.

LEGGI ANCHE >>> Mancini svela in diretta il segreto della sua Italia vincente

Il centrocampista parla poi del gruppo: “Il mister deve essere fiero di avere un gruppo così, io in Nazionale starei anche in panchina. Siamo orgogliosi di rappresentare il nostro paese di una competizione così importante. Siamo tutti uguali, il Ct farà le sue scelte e tutti daranno il massimo. Se gioco un minuto o cento, comunque darò la vita. Dobbiamo dare il massimo in un momento del genere in cui la gente soffre, non ci si può in****are per una panchina”.