La gioia di Mancini dopo Italia-Austria: il ct si sbilancia sui quarti

L'esultanza di Mancini al triplice fischio
Roberto Mancini (Getty Images)

La gioia di Mancini dopo Italia-Austria 2-1: “Vittoria meritata. Forse questa partita si rivelerà più difficile del quarto di finale”

Roberto Mancini è stanco ma felice al termine del complicato successo dell’Italia sull’Austria per 2-1, negli ottavi di finale degli Europei a Wembley.

“L’abbiamo portata a casa perché abbiamo meritato – ha detto il ct azzurro a ‘Rai Sport’ -. L’abbiamo voluta vincere, alla fine abbiamo anche giocato bene”.

Nel primo tempo avremmo dovuto fare un paio di gol – prosegue l’analisi del Mancio -. Nel secondo siamo calati fisicamente, il campo era molto pesante”.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Mancini parla alla squadra
Mancini parla alla squadra (Getty Images)

 

Mancini: “Abbiamo vinto grazie alla panchina”

Vittoria grazie alla panchina lunga? “Sicuramente. Abbiamo vinto grazie ai giocatori in panchina. Chiesa e Pessina sono stati straordinari, ma anche gli altri, che sono entrati con la mentalità giusta“.

Partita più difficile del previsto? “Sapevo che sarebbe stata così. Chissà, forse risulterà più difficile questa dei quarti di finale. Anche se Belgio e Portogallo sono due squadre straordinarie”.

L’abbraccio con Vialli. Vi siete ripresi qualcosa qui a Wembley (il riferimento è alla sconfitta nella finale di Coppa dei Campioni 1991/92, ndr)? “È ancora lunga, per riprenderla ci sono tre partite da vincere“.

LEGGI ANCHE>>> Italia, che fatica: Mancini trova i quarti con due carte vincenti

Poi sempre ai microfoni della Rai, parlano anche Donnarumma e Spinazzola: “Queste partite aiutano ad affrontare meglio le prossime – ha detto il portiere -. Il VAR? Non mi ero accorto, poi quando hanno annullato il gol è stata una gioia“.

Il terzino, premiato dall’UEFA come migliore in campo, ha descritto invece la forza del gruppo: “Siamo ventisei titolari, tutti allo stesso livello. Se sto giocando il miglior calcio della mia carriera? Sì, anche nel palcoscenico più importante”.