Il Napoli pesca dall’Europeo un nome nuovo per il centrocampo

Grillitsch a duello con Zinchenko
Grillitsch (Getty Images)

Spalletti ieri è arrivato a Napoli, s’inizia a programmare la stagione e si parla di mercato. C’è un nome nuovo per il centrocampo: l’austriaco Grillitsch dell’Hoffenheim.

L’Europeo è una vetrina soprattutto in un mercato dove i soldi sono pochi e bisogna tirar fuori le idee. L’Italia ha apprezzato il dinamismo di Grillitsch, centrocampista dell’Hoffenheim che mescola buone qualità tecniche al dinamismo nel recupero palla.

Il prezzo di 18 milioni è abbastanza alto ma Grillitsch ha il contratto in scadenza fra un anno, ciò potrebbe spingere l’Hoffenheim a calare le pretese.

Il Napoli, tra i profili ricercati, sta cercando un centrocampista di spessore fisico per sostituire Bakayoko e arricchire la fisicità della mediana che dovrà comporre il 4-2-3-1 di Spalletti. I nomi sono tanti: Basic, Doucourè, Thorsby, a questi va aggiunto Grillitsch.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Grillitsch a duello con Barella
Grillitsch (Getty Images)

Grillitsch non è giovanissimo ma duttile

Florian Grillitsch non è un giovanissimo di prospettiva ma un giocatore già pronto. Si tratta di un classe ’95 che vanta già 26 presenze e un gol nella Nazionale austriaca, 160 gare in Bundesliga con le maglie prima del Werder Brema e poi dell’Hoffenheim.

Secondo quanto racconta “La Gazzetta dello Sport”, a Spalletti piace per la duttilità perchè può giocare sia da centrale di centrocampo che da esterno, qualche volta è stato impiegato anche nel ruolo di trequartista.

Grillitsch avrebbe già comunicato l’entusiasmo per un eventuale trasferimento al Napoli che intanto si muove sempre per la fascia sinistra. Emerson Palmieri è la priorità assoluta, si lavora sulle possibili alternative come Mandava del Lille o Gudmunsson del Groningen.

LEGGI ANCHE>>> Francia, storico club retrocede: Lazio e Napoli sorridono

Giuntoli e il reparto scouting del Napoli sta lavorando per mettere sul piatto tante soluzioni, idee considerando le difficoltà del momento, cioè che senza cessioni non si può pensare ad investimenti molto importanti. Basta ripassare la conferenza stampa del presidente De Laurentiis per comprendere il momento storico del Napoli ma in generale anche del calcio internazionale.

È un mercato d’opportunità, occasioni ma il Napoli in certi reparti deve intervenire, visto che ha anche perso Hysaj, Maksimovic e Bakayoko.