Il momento in cui Donnarumma ha spaventato il Barcellona

L'Italia esulta per la vittoria
Gigio Donnarumma (Getty Images)

Il Barcellona ha abbandonato la corsa a Gigio Donnarumma dopo la richiesta di 12 milioni all’anno netti di stipendio

Secondo il quotidiano catalano ‘Mundo Deportivo’, il PSG non era la sua squadra pronta a lanciare l’assalto a Gigio Donnarumma. Sull’ex portiere del Milan ed inamovibile titolare della nazionale campione d’Europa di Roberto Mancini, anche il Barcellona ha provato ad avvicinarsi, per andare a rafforzare gli ormeggi in un reparto difensivo che la scorsa stagione ha mostrato più di una lacuna. Il club blaugrana, però, già alle prese con un difficile momento dal punto di vista finanziario, ha dovuto abbandonare la corsa quando Mino Raiola, agente dell’estremo difensore, ha presentato la richiesta di ingaggio. Sono stati considerati, infatti, troppi 12 milioni di euro per assicurarsi la firma di un portiere seppur a parametro zero.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Lo stadio Camp Nou di Barcellona
Camp Nou (GettyImages)

La folle estate del Psg: bruciato il Barcellona non solo su Donnarumma

Quello che è accaduto con Donnarumma, è successo anche per Wijnaldum. Il centrocampista olandese voluto dal connazionale Koeman in Catalogna è stato vicinissimo al Barcellona, dopo essersi svincolato dal Liverpool. Poi, l’intervento a gamba tesa del club francese che continua a fare incetta di calciatori in vista della prossima Champions League da assaltare.

LEGGI ANCHE >>> Euro 2020 continua, frecciata di due azzurri all’Inghilterra

Toccherà, poi, al tecnico Pochettino trovare la quadra in una formazione che potrebbe vedere, a breve, altri nomi altisonanti entrare tra le proprie fila punto nelle ultime ore, infatti, si continua a parlare di Paul Pogba come colpo per il sodalizio francese di proprietà qatariota.